Inter, le ultimissime notizie di calciomercato ci mettono di fronte a uno scenario di svolta. La cessione di Nainggolan al Cagliari ha finalmente consentito a Conte di lavorare con i giocatori che ha sempre detto di volere a disposizione per la prossima stagione. Ma in rosa c’è anche Mauro Icardi che pare essersi imposto per rimanere all’Inter pur sapendo di rimanere relegato in tribuna, ai margini della squadra. Detto ciò, avanti con gli investimenti in entrata. Dzeko potrebbe essere finalmente vicino a vestire la maglia nerazzurra, certo, la richiesta della Roma resta di 20 milioni e Marotta potrebbe a questo punto cedere ai giallorossi e accontentare Petrachi con questa cifra.

Ci sono però altre manovre su cui sta lavorando il direttore generale interista. Per esempio Rebic e Zapata che sembrano essere il perfetto piano B per gli eventuali mancati acquisti di Dzeko e Lukaku (la trattativa con la Juventus è ben avviata). Resta calda, ma raffreddata negli ultimi giorni, la pista Cavani che potrebbe restare al Psg. Ma vediamo dunque tutti i movimenti dell’Inter nelle ultime ore.

Dzeko e Lukaku: qual è la situazione?

Nelle ultime settimane si è parlato tanto di un Edin Dzeko quasi stizzito da questa situazione di stallo che si è venuta a creare. Da un lato la Roma che vuole cedere il calciatore solo dopo aver trovato l’alternativa (e in questo senso Higuain, la prima scelta, è ancora lontano), dall’altro l’Inter che vorrebbe uno sconto sui 20 milioni chiesti dai giallorossi per l’attaccante. L’Inter offre non più di 15 milioni di euro per arrivare al sì definitivo del club capitolino. I 20 richiesti dalla società del presidente Pallotta sono ritenuti eccessivi dagli uomini nerazzurri di mercato per un giocatore di 33 anni prossimo alla scadenza di contratto.

Le distanze sono dunque ancora lunghe ma l’inserimento del giovane Vergani nella trattativa potrebbe poi finire per convincere la Roma. Per Lukaku invece, non è ancora finita. L’Inter è intenzione ad alzare l’offerta ed offrire 60 milioni di sterline, circa 71 milioni di euro. Ma tutto dipende da Dybala che la Juventus ha inserito nell’affare che porterebbe proprio il belga a sbarcare in Italia, ma in bianconero e che invece non è convinto dei Red Devils. Dopo il colloquio di lunedì con Sarri si saprà di più.

Le alternative Rebic e Zapata

Bisogna dunque cautelarsi, purtroppo tutto questo tempo perso ha portato Conte a non avere ancora un attaccante degno di questo nome in rosa. Si attende il ritorno di Lautaro al massimo della condizione, ma non basta. L’idea è dunque quella di virare su un attaccante giovane come Ante Rebic, che l’Eintracht valuta 40 milioni di euro. Un’operazione che, se andasse in porto, farebbe felice soprattutto la Fiorentina che al momento della cessione si è assicurata il 50 per cento sulla futura rivendita. Rebic ma anche Duvan Zapata, il goleador che lo scorso anno a suon di gol ha portato l’Atalanta in Champions League.

Il confronto nell’ultima stagione tra Rebic e Duvan Zapata (Whoscored)
in foto: Il confronto nell’ultima stagione tra Rebic e Duvan Zapata (Whoscored)

Il bomber colombiano infatti potrebbe essere l’altro nome caldo che Marotta potrebbe seriamente pensare di prendere in considerazione, specie se dovesse saltare Lukaku. La valutazione dell’ex Napoli è di 60 milioni di euro che l’Inter vorrebbe ammortizzare proponendo un prestito oneroso da 15-20 milioni di euro con obbligo di riscatto fissato a 30-35. Un contratto da 2,5-3 milioni a stagione invece per il calciatore rispetto agli 1,5-1,8 l’anno fino al 2024 dell’Atalanta. Nell’affare potrebbe però entrare anche Politano che è uscito dal progetto tecnico di Conte e che invece farebbe comodo per il gioco di Gasperini.

Cavani è un sogno. Strootman per il centrocampo

Nelle ultime settimane si è anche parlato per un interesse dell’Inter per Cavani. Il calciatore è lusingato dall’interesse nerazzurro, ma fondamentalmente vuole aspettare la scadenza di contratto, decidendo a giugno dell’anno prossimo il suo futuro. Marotta gli offre un triennale a 9 milioni a stagione e 40-45 milioni ai francesi, ma al momento è tutto bloccato. Nella giornata di ieri intanto sono stati ufficializzati altri due arrivi per il settore giovanile: si tratta di Andrea Semenza, attaccante classe 2004 dal Piacenza, e di Andrea Bertazzoli, punta della Cremonese nato nel 2002.

Ma oltre a questi innesti, i nerazzurri devono rinforzare la prima squadra. Con la partenza di Nainggolan, si è liberato un posto a centrocampo e il nome nuovo, oltre a Rakitic, potrebbe essere quello di Kevin Strootman. Con Villas Boas in panchina, al Marsiglia, l’olandese sarebbe uno dei sacrificabili e potrebbe partire anche per meno di 20 milioni. L’ostacolo è l’ingaggio: 4,5 milioni di euro in 4 stagioni, al momento davvero troppi.

Icardi vuole restare (in tribuna). Joao Mario ai saluti

Una telenovela avrebbe meno puntate. Già, perché il caso Icardi non ha ancora trovato la parola fine. L’argentino si sarebbe impuntato per rimanere in nerazzurro e al momento non considera alcuna offerta. Alla base della scelta, secondo quanto trapelato nelle ultime ore, ci sarebbero motivi familiari: Wanda Nara, moglie e agente dell’attaccante, sarebbe infatti di nuovo incinta e ciò giocherebbe ancor di più a favore della permanenza. Nonostante gli apprezzamenti e i sondaggi da parte di Roma, Napoli e Juventus, dunque, al momento ha la meglio la volontà del giocatore con buona pace dell’Inter.

🍒

A post shared by Μαυʀɸ Iϲαʀδι – MI9 (@mauroicardi) on

Nel frattempo in uscita si registra l’interesse forte del Monaco per Joao Mario nonostante l’insistente pressing della Premier del Brighton per il portoghese. I monegaschi stanno però monitorando anche il terzino Dalbert e sarebbero intenzionati a portare in Francia anche Ivan Perisic, finito pure lui ai margini dei piani di Conte, che non lo vede adatto a fare l’esterno a tutta fascia. Se non è questa una rivoluzione, poco ci manca.