Mio padre aveva torto quando ha scritto quel famoso tweet ma è un essere umano e ha reagito per suo figlio. Ora va tutto bene, mi alleno e aspetto il mio momento, devo approfittare delle opportunità che mi danno.

Lautaro Martinez prova a chiudere definitivamente la questione sui suoi rapporti difficili con Luciano Spalletti e sulle parole del padre di qualche tempo fa. L’attaccante dell'Inter, durante un'intervista al quotidiano argentino La Nacion, è  tornato sulla polemica innescata dal tweet del papà al termine della partita a di Champions League a Wembley contro il Tottenham, quando si è scagliato contro Spalletti per il suo impiego limitato. Sul suo rapporto con il tecnico toscano l'ex Racing ha dichiarato: "Tra me e Spalletti va tutto bene, tutto è stato risolto. Gli ho spiegato che mio padre era un calciatore, che era nato in uno spogliatoio e che siamo una famiglia con una grande passione". Lautaro Martinez si è soffermato sulle voci di mercato che lo hanno visto nelle mirino del Betis lo scorso gennaio:

Il Betis Siviglia? Non ero a conoscenza di nulla. Penso sia stato il presidente del Betis a chiederlo. Ma nessuno mi ha detto niente. Ho sempre pensato all'Inter, sono molto felice qui. Ogni opportunità che mi danno cerco di approfittarne e di raggiungere gli obiettivi.

Infine la punta argentina ha parlato di Mauro Icardi come amico e come capitano dell'Inter, di come lo ha accolto a Milano e del loro rapporto:

Subito, mi ha dato una mano a cercare casa. Poi, anche per gli acquisti, cosa fare e come farli. Mauro si è subito messo a disposizione: ‘Quando avrai bisogno, chiamami. Il telefono è sempre acceso' mi ha detto. Con lui vado molto d'accordo anche fuori dal campo. E in generale si dimostra sempre molto disponibile con tutti. Non l'ha fatto solo con me, che sono argentino come lui.