Scomparso il fantasma di Mauro Icardi, e complice la situazione fisica non ottimale di Lukaku e Alexis Sanchez, Lautaro Martinez si è ritagliato uno spazio importante nell'Inter di Antonio Conte. Il giovane attaccante argentino, dopo l'amichevole pareggiata 2-2 dalla sua nazionale contro la Germania, è tornato a parlare del ruolo di ‘anti-Juve' della squadra nerazzurra. "L'ho detto anche al termine della sfida di San Siro. Loro sono molto forti e dovremo lavorare per arrivare al loro livello, la sconfitta non deve essere qualcosa di negativo, ma uno stimolo per migliorarsi".

Nell'intervista concessa a Sportmediaset, il ‘Toro' ha poi parlato del suo momento positivo: "Voglio fare bene all'Inter, per potermi meritare la convocazione, giocare con i miei compagni e dare tutto per l'Argentina. Per ora sono concentrato sulla nazionale, della partita con la Juve parleremo quando ci ritroveremo tutti. Analizzeremo insieme gli errori che hanno portato alla sconfitta, ma ci penseremo al ritorno nel club".

Il ‘Toro' è pronto per Sassuolo e Dortmund

Tra i migliori nella partita contro la Juventus e in quella di Champions League a Barcellona, Lautaro Martinez ha dimostrato di poter reggere il peso della maglia e di saper scalare le gerarchie di Antonio Conte: "La pressione? Sento una bella responsabilità – ha concluso il giocatore nerazzurro – So cosa significa e quindi cerco di dare il massimo in ogni partita e prepararmi al meglio quando scendo in campo".

Al rientro dopo la sosta per le nazionali, l'Inter sarà di scena al Mapei Stadium con il Sassuolo di De Zerbi per l'ottava giornata di campionato: il tutto pochi giorni prima del terzo impegno europeo al Meazza con il Borussia Dortmund. Per l'ex Racing Club saranno due grandi occasioni per mettere in mostra il suo valore e per confermare ancora il suo momento magico.