L'incontro tra Giuseppe Marotta e Luciano Spalletti c'è stato ed è avvenuto ad Appiano Gentile, nel centro sportivo dell'Inter. Oggetto della discussione, la sortita del tecnico sul rinnovo del contratto di Mauro Icardi. Cosa aveva detto l'allenatore? Dopo la sfida col Parma, caratterizzata dall'ennesima prestazione opaca del calciatore, s'era lasciato andare a considerazioni che riportavano al centro della scena la vicenda a dispetto della volontà della società di lavorare a fari spenti. Niente più chiacchiericcio social, alimentato anche dalle parole della moglie/agente Wanda Nara, ma termini e tempistica da rispettare per addivenire a un accordo nell'interesse di tutti.

Ecco perché quel "visto che i direttori hanno accettato di discutere di questo contratto, ora devono andare a parlare e devono definirlo" era stato una nota stonata rispetto alla linea del club. A gettare altra benzina sul fuoco era stata anche la consorte dell'argentino che aveva parlato di "cattiverie che escono" dall'ambiente nerazzurro nei confronti del marito. L'incontro tra Marotta e l'allenatore è servito a chiarire le idee e soprattutto a evitare l'ennesima deriva, il rischio di distrazioni.

Assieme all'amministratore delegatore c'erano anche il ds Piero Ausilio e il cfoo Giovanni Gardini: il summit, a giudicare dalle indiscrezioni che filtrano, è stato sereno e all'insegna della compattezza sia per chiudere la stagione centrando l’obiettivo minimo (qualificazione in Champions) sia per restare concentrati anche sull'Europa League (giovedì l'Inter sarà impegnata a Vienna contro il Rapid).

  • Quando ci sarà il prossimo step con l'entourage di Icardi? Un nuovo incontro con Wanda Nara ci sarà a breve ma senza fretta. Quasi sicuramente il primo momento utile sarà dopo il doppio incontro di Coppa. La posizione dell’Inter è sempre la stessa: ovvero, contratto fino al 2023 con stipendio da 7 milioni netti a stagione (bonus esclusi).