Rientrato dall'infortunio e pronto a scendere in campo a Londra, nell'importante sfida di Europa League contro l'Arsenal, Lorenzo Insigne ha parlato a margine del match giocato dal Napoli contro il Genoa. Un'intervista che è servita al capitano partenopeo per spiegare il senso delle sue ultime parole rilasciate al Corriere dello Sport, che avevano messo in agitazione il popolo napoletano: "Non ho mai detto nell’intervista che a giugno voglio andarmene via da Napoli. Ci sono rimasto male, leggo che avrei scelto Raiola per andare via. Io sono concentrato sul Napoli e andiamo avanti insieme, ci aspettano due gare importanti e dobbiamo fare bene".

Di fronte alle telecamere di Sky Sport, Insigne ha così rasserenato la tifoseria del San Paolo: già in ansia per il possibile addio nella prossima estate del giocatore di Carlo Ancelotti: "Io ho espresso il mio pensiero, sono state riportate male le mie parole e questo mi dispiace. Ho sempre detto che a Napoli sto benissimo e che ci sta che da me i tifosi si aspettano qualcosina in più. Io ho sempre dato il massimo e finché resterò qua continuerò a farlo".

La sfida che può far svoltare la stagione del Napoli

"Per quanto riguarda il fatto che ho detto che brucia arrivare sempre secondi, l'ho fatto perché la Juve è da tanto che fa cose straordinarie – ha aggiunto Insigne Noi partiamo sempre svantaggiati, però, li mettiamo sempre in difficoltà. Siamo l’unica squadra che la mette sempre in difficoltà e questo è un orgoglio mio e di tutta la squadra. Dobbiamo dare il 100% e farci trovare pronti con i Gunners, quella è una partita che può far svoltare la nostra stagione. Ora sto bene e spero di poter dare una mano alla squadra in questo finale di stagione. Mi auguro di giocare, ma la cosa importante è ovviamente che il Napoli vinca".