C’è chi è già indispensabile ed è stato pagato caro, anzi, carissimo, c’è chi gioca con regolare continuità nell’undici titolare e chi, invece, rappresenta un patrimonio da coltivare e da preservare prima dell’esordio assoluto in competizioni internazionali. In un caso o nell’altro, stiamo parlando degli Under 19 più forti, per qualità e rendimento, ma anche più costosi, per attuale valore di mercato, della Uefa Champions League edizione 2017/18.

Talenti di assoluto valore che stanno completando il loro propedeutico apprendistato verso la grandezza già in questa coppa “dalle grandi orecchie” prima di poter dominare la scena per i prossimi 10/15 anni. In questo contesto, dunque, dal portiere del Feyenoord Bijlow a Upamecano del RB Lipsia, fino a Pulisic del Borussia Dortmund e Mbappé del Paris Saint Germain, ecco, in una ideale top 11, i migliori prospetti presenti in questa Coppa dei Campioni.

La formazione dei migliori Under 19 di Champions. Un 4–2–3–1 dal valore complessivo di 111 milioni di euro e con giù un ottimo minutaggio nella manifestazione internazionale (Buildlineup.com)in foto: La formazione dei migliori Under 19 di Champions. Un 4–2–3–1 dal valore complessivo di 111 milioni di euro e con giù un ottimo minutaggio nella manifestazione internazionale (Buildlineup.com)

Bijlow portiere degli U19 di Champions.

A difendere i pali di questa formazione composta solo dai più promettenti campioncini in erba del palcoscenico più famoso e competitivo al mondo chiamato Champions League troviamo, nel novero delle 32 compagini della manifestazione, il giovane Justin Bijlow.

Pur non avendo fatto ancora il suo esordio ufficiale nella rassegna, terzo portiere dietro gli esperti Brad Jones e Kenneth Vermeer, il 19enne del Feyenoord, peraltro in panchina martedì sera nella sfida del San Paolo contro il Napoli, guadagna i gradi di titolare grazie al suo attuale valore di mercato che lo elegge numero #1 più costoso fra gli Under 19 di questa edizione della Coppa dei campioni. Una valutazione importante che mette in evidenza tutte le sue potenzialità e le attese di operatori del mercato e addetti ai lavori.

Arnold e Upamecano guidano la difesa.

La difesa dell’Under 19 di Champions, invece, nei quattro interpreti dinanzi a Bijlow vede diversi ragazzi che, pur con non tantissimi minuti nella kermesse continentale, sono già pronti per poter dare un contributo importante alle rispettive compagini. Nello specifico, troviamo a sinistra il terzino del Real Madrid Theo Hernandez chiamato al proscenio dopo l’infortunio di Marcelo ma sfortunato, a sua volta, per un piccolo problema alla spalla che lo sta tenendo fuori, dopo il suo arrivo nella capitale per 30 milioni di euro, dal rettangolo verde nel momento clou della stagione e, a destra, il terzino del Liverpool Alexander Arnold con una valutazione di mercato di 1.5 milioni di euro e già 245’ minuti di gioco complessivi, fra preliminare (in rete con l'Hoffenheim) e gruppo E, in Champions League.

Al centro, a trovare una maglia da titolare ci sarebbero il francese dell’RB Lipsia Dayot Upamecano per merito dei suoi 7.5 milioni di euro di “market value” e dei suoi 180’ minuti nella manifestazione, con annessa débâcle col Besiktas di due giorni fa e l’argentino Juan Foyth del Tottenham visto però, almeno al momento, solo nella sfida di coppa di Lega contro il Barnsley.

Nkunku-Kouassi un patrimonio in panchina.

In un centrocampo a due composto da ragazzi con grande atletismo, dinamismo e forza muscolare, troviamo due potenziali craque, finora, poco utilizzati per diverse ragioni dai propri club. Il primo, il riferimento è a Christopher Nkunku (valore di mercato di 3 milioni di euro) del Paris Saint Germain perché letteralmente chiuso, sbarrato dalla enorme nonché costosa concorrenza in squadra. Il secondo, l’ivoriano del Celtic Glasgow Eboue Kouassi (valore di mercato di 2 milioni di euro), per un fastidioso infortunio alla caviglia destra che lo tiene lontano dai campi di gioco dallo scorso 8 agosto. Eppure, risolte le rispettive difficoltà, di spazio e di salute, entrambi potranno dare tutto il loro apporto in squadra con delle potenzialità e dei margini di crescita davvero impressionanti.

Attacco stellare da 71.5 milioni di euro.

In avanti, invece, la qualità media ma anche l’esperienza, il chilometraggio in campo aumenta a dismisura con diversi campioncini in erba già molto noti a pubblico e critica. Nel tridentazo d’attacco, alle spalle della punta centrale inglese Rashford (valore di mercato di 18 milioni di euro) che ha disputato 18’ minuti di gioco nella vittoriosa trasferta del suo Manchester United a Mosca con il Cska, infatti, ci sarebbero diversi elementi con una reputazione ed un credito di tutto rispetto.

A destra, lo statunitense del Borussia Dortmund Christian Pulisic (18 milioni di euro) con già 104’ minuti di Champions in stagione, al centro, il giovanissimo nonché privo di presenze ufficiali col Feyenoord Emil Hansson (500 mila euro) e, a chiudere l’attacco dei sogni, Kylian Mbappé del Paris Saint Germain (2 reti e 3 passaggi chiave totali) autore di un assist vincente per Cavani di ieri sera col Bayern Monaco e proprietario di una valutazione di mercato complessiva, al di là della folle somma spesa dai transalpini per prelevarlo dal Monaco (27 gol e 16 assist nel Principato), di ben 35, pure pochi, milioni di euro.