Il mancato saluto di Maurizio Sarri a Pep Guardiola. Lo sputo di Gonzalo Higuain sul corrimano del tunnel che conduce dal campo alla pancia dell'Etihad Stadium. Sono gli ultimi fotogrammi della trasferta rovinosa del Chelsea a Manchester. Travolto, umiliato, sconfitto e ridimensionato dal City. La peggiore batosta di sempre, è stato il titolo. Una prova senza appello per il tecnico toscano, la cui posizione non è più salda e già si vocifera di un interim di Zola fino al termine della stagione in attesa di Simeone. Ennesima prestazione da dimenticare per il Pipita che non ha tutte le colpe per il naufragio accaduto nella domenica di Premier ma ha sfigurato al cospetto del connazionale, Aguero, alimentando la frangia più critica dei media nei confronti del club che ha ingaggiato un calciatore ‘vecchio e costoso'.

All'ex attaccante di Real, Napoli, Juventus e Milan non avevano perdonato il debutto sotto tono in Blues, né il rifiuto a battere il calcio di rigore. Nemmeno era bastata la doppietta contro il modesto Huddersfield a fare breccia tra i più scettici e così al primo, vero esame è arrivata la sonora bocciatura. E al centro del mirino c'è finito sia per la prova opaca sia per quell'atteggiamento poco elegante e giudicato intollerabile, ripreso dalle telecamere presenti all'interno dell'impianto.

Un gesto di stizza avvenuto poco dopo aver imboccato il corridoio che dal campo porta allo spogliatoio. Un gesto di rabbia e delusione per quella debacle così pesante. Un gesto provocato dal nervosismo per quel risultato che rischia di compromettere la stagione del Chelsea e soprattutto di dare una spallata alla panchina dell'ex allenatore azzurro. Senza Champions, tanti saluti al ‘Sarri ball' e al suo pupillo – Higuain – che adesso fa discutere per maleducazione.