Foto de (Il secolo XIX)
in foto: Foto de (Il secolo XIX)

Ci sono storie che solo il calcio può raccontare. Una di queste è sicuramente quella di Jason Orlando Held, giovane attaccante della Primavera del Genoa che in occasione della sfida contro il Cagliari, valida per la 34° giornata di Serie A, è stato convocato in prima squadra da Giampiero Gasperini. Se il match non è andato come nelle aspettative dei liguri, sconfitti per 1 a 2 dai sardi, la giornata rimarrà comunque storica per il talento dei grifoni di origine Sinti, un’etnia della popolazione Rom, che ha realizzato un sogno. Held infatti ha una storia personale davvero particolare: la sua è stata un’infanzia di grandi sacrifici e privazioni che lo ha temprato nel corpo e nello spirito.

La favola di Jason. Held che deve il cognome al nonno tedesco, ha iniziato a giocare a calcio all’età di 7-8 anni nel campo nomadi di Bolzaneto. Il giovane attaccante, come riportato dal Corriere Mercantile, utilizzava addirittura carrelli della spesa come porte da gioco per inseguire il suo sogno di diventare calciatore. Un sogno iniziato a 11 anni con il passaggio al Pontedecimo e poi al Genoa dove ha vestito la maglia delle squadre giovanili. Una bella storia che può essere esemplare per tanti ragazzi che coltivano il sogno di calcare i campi della nostra Serie A.