Un brutta figura per una battuta fuori luogo e per giunta riuscita male. L'ha fatta Martin Solveig, il dj che era stato scelto per consegnare il Pallone d'Oro femminile. A ottenerlo è stata l'attaccante norvegese del Lione, Ada Hegerberg, una delle più forti giocatrici in Europa come testimoniato dal palmares che la vede cannoniere e vincitrice delle ultime edizioni della Champions. Con 136 voti (+6 rispetto a Pernille Harder, bomber danese del Wolfsburg) ha messo in bacheca il trofeo più ambito a livello personale nella carriera di un calciatore. L'annuncio è stato scintillante come l'abito color oro indossato dalla 23enne scandinava che si presenta sul podio della premiazione orgogliosa, sorridente ma un po' emozionata.

A guastarle la festa del momento sarà la ‘stecca' clamorosa presa dal dj che, in un eccesso di enfasi e maleducazione, si rivolge alla donna e all'atleta con un'espressione poco elegante e sessista. Cosa le ha detto di così offensivo? Invece di chiederle di raccontare qualche aneddoto della carriera o qualsiasi altra cosa legata alla sua esperienza che le ha domandato se sapesse ‘twerkare'. Proprio così… twerkare, quel movimento pelvico e di bacino che ondeggia in maniera sensuale. Qual è stata la reazione della Hegerberg? Basta dare un'occhiata all'espressione del viso. Stizzita e disgustata, ha risposto di no e voltato le spalle ai suoi interlocutori. In platea Kylian Mbappé, inquadrato in quel momento dalle telecamere, resta sbigottito. Che brutta figura, davvero.

Martin Solveig ha capito di averla fatta grossa e, a poche ore dall'episodio, si è scusato pubblicamente con la donna per quella sortita infelice: prima ha pubblicato sui social network un video-messaggio nel quale ha fatto ammenda per quelle parole poi nel backstage ha posto alla donna le scuse di persona. La Hegerberg le ha accettate con sportività, come testimoniato anche dalla foto che i due hanno scattato dietro le quinte e ha sancito la pace.