Gabriele Oriali non lascia la Nazionale, ma diventa anche il team manager dell’Inter. La notizia, ufficializzata poi anche dal club milanese,  l’ha data il presidente della FIGC Gabriele Gravina che ha accontentato il c.t. Mancini che non voleva perdere l’apporto di Oriali e ha assecondato il desiderio dell’ex mediano che voleva tornare all’Inter, dove farà da collante tra la squadra e il tecnico, Conte lo aveva voluto già con sé in azzurro cinque anni fa.

L’annuncio del presidente Gravina, Oriali con l’Inter e con l’Italia

Resterà in azzurro fino a Euro 2020, almeno, Gabriele Oriali che nel suo ruolo di team manager ha aiutato molto Roberto Mancini in questo suo primo anno da commissario tecnico. Il prossimo sarà un anno molto intenso per l’ex centrocampista che rivestirà lo stesso ruolo anche con l’Inter, la squadra con cui ha vissuto tutta la sua carriera da calciatore e da dirigente. Queste le parole del presidente Gravina:

Questa mattina d’accordo con l’Inter, abbiamo rispettato la volontà di Oriali e del commissario tecnico Mancini, dando la possibilità a Lele di continuare il suo percorso in azzurro sino all’Europeo del 2020.

Oriali e la Nazionale

Da calciatore ha vissuto il momento più bello in azzurro quando nel 1982 conquistò il Mundial con Bearzot. Momenti epici veri per Oriali che è ritornato nel Club Italia nel 2014 quando Conte lo volle con sé e gli fu data la carica di team manager della nazionale maggiore. Da quel momento Oriali è sempre stato in federazione ed è stato al fianco di quattro commissari tecnici.

Il ritorno all’Inter di Oriali

Simbolo dell’Inter negli anni ’70 e della prima metà degli anni ’80, Oriali è stato per undici anni il responsabile dell’area tecnica dell’Inter. Ha vissuto periodi molto diversi, perché tra il 1999 e il 2010 i nerazzurri hanno vissuto annate travagliate prima di trionfare con Mancini prima e Mourinho poi.