La Fiorentina è all'alba di una profonda rivoluzione. Al termine di questa stagione, infatti, il club toscano sarà chiamato ad un restyling che coinvolgerà non solo la panchina ma anche la rosa dei giocatori che affronteranno il prossimo campionato e l'eventuale Europa League. Come ha già fatto capire anche lo stesso tecnico, a guidare la squadra ci sarà molto probabilmente un altro allenatore: mister che in casa viola avrebbero già scelto.

Secondo calciomercato.com, a prendere il posto di Stefano Pioli sarà quasi certamente Eusebio Di Francesco. L'ex allenatore della Roma si sarebbe infatti lasciato convincere dal programma della Fiorentina, grazie anche all'opera di mediazione dell'agente Fali Ramadani: personaggio da sempre vicino al club toscano e al direttore generale dell'area tecnica, Pantaleo Corvino.

I dettagli dell'accordo

Per il 49enne tecnico abruzzese, già nel mirino della Fiorentina ancor prima che firmasse per la Roma ed esonerato da Pallotta dopo la disfatta di Porto in Champions League, ci sarebbe infatti pronto un contratto triennale (a 1,5 milioni di euro a stagione) e una strategia di mercato già ben delineata. Tra le operazioni in ballo nella prossima estate, ci sarebbero anche alcune cessioni importanti come quelle di Jordan Veretout (che piace a Milan e Napoli), German Pezzella e soprattutto Federico Chiesa: sul quale è pronto a scatenarsi una vera e propria asta.

L'alternativa Sarri

In attesa di capire se il tecnico ex Sassuolo e Roma darà il suo benestare per queste cessioni, il club di Della Valle è intenzionato a muoversi sin da subito per "bloccare" il nuovo allenatore. Davanti alla probabile uscita di Pioli (in scadenza di contratto) e al possibile inserimento di altre società per Di Francesco, la Fiorentina sta dunque stringendo i tempi per mettere nero su bianco. L'altro nome in corsa per prendere il posto di Pioli, sarebbe quello di Maurizio Sarri: tecnico che però pare irraggiungibile a causa dei 6 milioni di stipendio netti all'anno che percepisce al Chelsea.