E' arrivato il tanto atteso verdetto della Uefa sul Fair Play Finanziario che riguardava le italiane Roma e Inter, e quello molto atteso sul Psg. Ottime notizie per i capitolini che sono stati promossi, avendo raggiunto gli obiettivi concordati, mentre i nerazzurri possono sorridere solo a metà avendo raggiunto solo in parte i target prefissati. La società del capoluogo lombardo dunque è da considerarsi rimandata. Sorpresa invece per quanto concerne il Psg: nessuna sanzione per i transalpini, che resteranno sotto osservazione per il prossimo bilancio. Tutto in attesa del verdetto del Milan previsto per il 19 giugno.

Fair Play Finanziario, Roma promossa dall'Uefa

Come annunciato dunque dall'Uefa, la Roma ha raggiunto gli obiettivi concordati e può dunque ritenersi fuori dal regime del settlement agreement (ovvero il "patteggiamento" per cercare di rientrare nei parametri imposti dal Fair Play Finaziario). La commissione del massimo organismo europeo ha dunque promosso i conti per il club capitolino a cui basterà una cessione, come potrebbe essere per esempio quella di Nainggolan, per far quadrare alla perfezione i conti.

Inter rimandata dall'Uefa, seetlement agreement anche nel 2018/2019

Diverso il caso dell'Inter invece che ha raggiunto solo in parte gli obiettivi. In virtù di questa situazione dunque le misure già in atto, come le restrizioni sul mercato e la limitazione al numero di giocatori che possono essere iscritti nella Lista A per le coppe, restano. Il settlement agreement varrà anche per la prossima stagione. La dirigenza cinese dovrà come sempre bilanciare le spese sul mercato e le entrate. A tal proposito, ma non è una novità, prima di acquistare calciatori bisognerà vendere.

Fair Play Finanziario, cosa succede ora per l'Inter

Una situazione che per ora la società milanese sta gestendo bene, con la conquista della Champions che sicuramente rappresenta un'ottima notizia per il futuro. Sul mercato le operazioni a zero De Vrij e Asamoah non possono che far sorridere le casse nerazzurre, anche se si vorranno piazzare colpi a sensazione bisognerà necessariamente cedere alcuni big. Il piano B, è quello offerto dalla possibilità di recompra, appena ufficializzata per il calciomercato italiano. In questo modo l'Inter potrà cedere tutti i suoi giovani incassando un discreto tesoretto assicurandosi però per il futuro la possibilità di un riacquisto.

Nessuna sanzione per il Psg in tema di Fair Play Finanziario

La Uefa ha deciso di chiudere senza sanzioni l'indagine a carico del Paris Saint Germain in tema di fair-play finanziario. Da Nyon hanno infatti comunicato che il deficit relativo agli anni finanziari 2015, 2016 e 2017 resta nei limiti consentiti, nonostante i contratti di sponsorizzazione non "limpidi" della società francese. Nelle due stagioni calcistiche considerate infatti, il club della Tour Eiffel era già in regime di patteggiamento, mentre gli acquisti tanto discussi di Neymar e Mbappé finiranno nel bilancio del 2018. Con le nuove norme Uefa il Psg dovrà comunque necessariamente mettere in regola i conti, altrimenti potrebbe già rischiare in vista delle prossime competizioni europee.