Esordio rimandato in Serie A per Patrick Schick. Il calciatore ceco, ultimo colpo di calciomercato dei giallorossi, non scenderà in campo nella sfida contro il suo recente passato, ovvero in Sampdoria-Roma. E' Eusebio Di Francesco a comunicare l'assenza dell'attaccante nel classico incontro con la stampa alla vigilia del match valido per la 3a giornata di Serie A. Tanti i temi affrontati dal mister a partire proprio dalle condizioni di Schick.

Schick salta Sampdoria-Roma.

Eusebio Di Francesco ha iniziato la sua conferenza parlando proprio del calciatore arrivato in extremis, dopo un vero e proprio tormentone di mercato che lo ha visto protagonista. Un piccolo problema muscolare costringerà il ceco ai box: "Schick ha avuto un problema durante l'allenamento farà la risonanza ma domani non ci sarà". Per il futuro comunque l'ex Sassuolo potrà contare su un calciatore molto duttile: "E' uno di quei giocatori che le cose migliori le ha fatte partendo dal centro destra, ed è un indizio importante per capire dove può esprimersi. Anche quando ho preso Defrel mi dicevano che non poteva fare l’attaccante, poi in due anni ha fatto 23 gol. Il lavoro paga e pagherà anche con Schick a prescindere dal ruolo".

Le scelte di formazione per Samp-Roma, possibile esordio per Gonalons.

Se Schick dunque salterà Sampdoria-Roma, dovrebbe esserci invece Dzeko. Di Francesco fa il punto della situazione sulle possibili scelte di formazione con il possibile esordio di Gonalons: "Dzeko ci raggiungerà domani all'ora di pranzo, insieme al presidente in aereo, perché domani mattina partorirà la moglie. Florenzi potrebbe essere schierato dall'inizio, così come Bruno Peres, che ha recuperato dall'infortunio. Ale mi ha dato delle sensazioni nettamente positive nella crescita della condizione. De Rossi? Daniele non è più un ragazzino, i tempi di recupero si allungano. Gonalons lo ritengo un giocatore titolare, forte, sta assimilando meglio il calcio italiano e il mio. Può essere uno di quelli che domani scende in campo dall'inizio". 

Di Francesco sul futuro da allenatore di Totti.

Non è mancata una battuta sulla volontà di Francesco Totti di intraprendere la carriera da allenatore. Di Francesco ha svelato un simpatico retroscena di spogliatoio: "Si è già presentato nello spogliatoio a spostare le pedine sulla lavagna. Anche lui vuol giocare col 4-3-3… E' giusto che faccia questo percorso, perché capirà così cosa vuol fare da grande. Gli ho consigliato di fare tutto con grande passione e di non sentirsi mai arrivato. Francesco è intelligente".

La sconfitta contro l'Inter e il Var.

Brucia ancora in casa Roma, il rocambolesco ko contro l'Inter nell'ultima giornata. Una sconfitta a giudizio di Di Francesco immeritata: "Abbiamo lavorato per smaltire il ko dell'Olimpico. Brucia ancora, non meritavamo di perdere. La squadra ha fatto bene, dobbiamo ripartire da quella prestazione". E ha fatto molto discutere per quella partita l'applicazione del Var che non convince completamente l'allenatore: "Non ne sono contentissimo, non mi piacciono tanto queste sospensioni, è come vedere un thriller in cui da un momento all'altro non sai mai quello che succede".