4 Luglio 2016
23:20

Da sconosciuti a star grazie a Euro 2016: ecco la top ten

Tanti calciatori, dal nome poco noto fino a un mese fa, a Euro 2016 hanno dimostrato di poter giocare con squadre di prima fascia. Tra questi Giaccherini, Hector, i centrali difensivi islandesi, il portiere McGovern e Robson-Kanu del Galles.
A cura di Alessio Morra

Quando si giocano gli Europei e i Mondiali si pensa che il palcoscenico debba essere tutto dei big, alla fine generalmente è così. Ma in questi grandi tornei c’è sempre spazio per giocatori che all’inizio sono poco noti ma che rapidamente grazie a grandi prestazioni, grandi parate o bellissimi gol diventano popolari e diventano anche uomini mercato. A Euro 2016 hanno sbalordito giocatori di nazionali importanti come Hector o Giaccherini, ma anche il bomber gallese Robson-Kanu e tanti islandesi.

Quelli già famosi – Jonas Hector è un ragazzo su cui ha puntato tantissimo il tecnico della Germania Joachim Loew. Hector non ha mai disputato un match nelle coppe europee e a ventisei anni, da terzino del Colonia, sta disputando la sua prima grande manifestazione. Il rigore decisivo in Germania-Italia gli ha dato un posto nella storia degli Europei. Sicuramente più noto di Hector era ed è Giaccherini che però in Europa a livello di club ha disputato solo quattro partite. Le ultime annate le ha vissute tra il Sunderland e il Bologna, ma a Euro 2016 ha dimostrato di valere un club di prima fascia.

Gli islandesi – Poi ci sono loro i calciatori della nazionale più simpatica di Euro 2016: l’Islanda. Ragnar Sigurdsson ha giocato in Svezia e in Danimarca prima di passare al Krasnodar, con cui ha disputato pure le coppe, ma in pochi lo avevano considerato. Il suo futuro sarà in Premier League. E come non citare il mitico Aron Gunnarsson, che potrebbe finire al Bologna e Sigthorsson, appena tre gol in Ligue 1 con il Nantes che ha avuto l’onore di far gol prima all’Inghilterra e poi alla Francia.

Robson-Kanu e non solo – Non sono da meno alcuni calciatori del Galles. Su tutti si eleva Hal Robson-Kanu, un attaccante capace di segnare solo tre gol in tutto lo scorso campionato (di Championship, la seconda serie inglese) e che da disoccupato ha realizzato già due reti a Euro 2016. In copertina anche Joe Allen del Liverpool, una riserva per Klopp ma uno dei perni di Coleman, e Chris Gunter, difensore del Reading che in Premier ha disputato 25 partite appena, a fronte delle oltre cento partite disputate solo nelle ultime tre stagioni in Championship.

Parate e gol – Tra i grandi portieri dell’Europeo c’è anche Michael McGovern, valutato appena mezzo milione di euro, che da anni gioca in Scozia e che sul filo ha soffiato il posto al vecchio Roy Carroll. Se l’Irlanda del Nord è giunta agli ottavi il merito è anche suo. Robbie Brady invece ha segnato due gol a Euro 2016. Con il primo ha steso l’Italia e ha regalato la qualificazione a O’Neill, con il secondo ha fatto tremare la Francia. Brady è retrocesso con il Norwich, ma con l’Europeo è diventato un uomo mercato.

Federer fuori dalla top ten: la fine di un'era dopo un record di quasi 1000 settimane
Federer fuori dalla top ten: la fine di un'era dopo un record di quasi 1000 settimane
Jannik Sinner vola in finale dell'ATP 250 Anversa: battuto Lloyd Harris
Jannik Sinner vola in finale dell'ATP 250 Anversa: battuto Lloyd Harris
Alaphilippe fa il bis e vince ancora il Mondiale di ciclismo, azzurri lontani
Alaphilippe fa il bis e vince ancora il Mondiale di ciclismo, azzurri lontani
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni