Mario Balotelli al Brescia, le ultimissime notizie di calciomercato confermano che la trattativa tra il club neo promosso in Serie A e l'ex attaccante dell'Olympique Marsiglia è alla stretta finale. Accordi presi, intesa con l'agente del calciatore – Mino Raiola – sancita tant'è che l'annuncio ufficiale può arrivare anche nella giornata di domani. L'ex punta del Milan e della Nazionale, che aveva ricevuto una ricca offerta dal Flamengo [15 milioni di euro per 18 mesi, 10 alla firma e 300 mila netti al mese fino alla fine del 2020] perché accettasse il trasferimento in Brasile, era svincolata e ha preferito fare ritorno a casa [tanto in campionato quanto avvicinarsi alla famiglia] piuttosto che avventurarsi in esperienza affascinanti ma non abbastanza da vincere tutte le perplessità del caso.

Balotelli, sì al Brescia: battuti Flamengo, Verona e Fiorentina

In A, in cima all'attacco delle ‘rondinelle', sa che ha maggiori opportunità anche di riconquistare la fiducia del commissario tecnico dell'Italia, Roberto Mancini, soprattutto alla luce dell'Europeo del 2020. Non c'era solo il Brescia sulle tracce di Balotelli, oggi 29enne e reduce dalla Ligue 1 transalpina nella quale è stato protagonista prima con la casacca del Nizza e poi del Marsiglia. Hellas Verona e Fiorentina avevano messo gli occhi su di lui ma alla fine a prevalere è stata la proposta presentata dal presidente della società lombarda, Cellino.

Contratto e stipendio, le cifre dell'accordo col Brescia

Balotelli firma un anno contratto con rinnovo automatico in caso di salvezza e percepirà uno stipendio netto di 1.5 milioni di euro a stagione come parte fissa alla quale andranno ad aggiungersi bonus per un totale di 500 mila euro. Una cifra e uno sforzo importanti per una società come il Brescia che ha deciso di investire su di lui per conquistare la salvezza.

L'ultima volta di Mario Balotelli in Serie A

Super Mario torna in A a 3 anni di distanza dall'ultimo campionato disputato con il Milan [stagione 2015/2016] e concluso in maniera poco felice: 1 solo gol, 1 assist e un lungo periodo di stop per infortunio scandito dalla pubalgia. Ultima partita giocata prima dell'addio: la gara con la Roma il 14 maggio del 2016 [rossoneri sconfitti per 3-1].