A secco Cristiano Ronaldo, ancora a riposo in vista della Champions League, e l’ex capocannoniere Krzysztof Piątek, la 32a giornata di Serie A consente a Fabio Quagliarella di riprendersi la vetta solitaria della classifica marcatori. Continua il momento d’oro di Moise Kean che segna come nessun altro in Europa, mentre Ivan Perisic prolunga il suo feeling con il gol lontano da San Siro. Edin Dzeko invece torna a segnare in casa dopo un anno mentre Leonardo Pavoletti si conferma il miglior goleador di testa del Vecchio Continente. Nessuno come Arkadiusz Milik in questa Serie A invece per le marcature da fuori area. Queste e tante altre le principali curiosità riguardo ai bomber di questa trentaduesima giornata della Serie A 2018/2019.

Solo Messi e Mbappé più decisivi di QuagliaRe in Europa

Giornata senza gol per l’ex capocannoniere di questo campionato, Krzysztof Piątek, che si vede nuovamente staccare da Fabio Quagliarella che con il rigore trasformato nel derby della Lanterna si riprende la vetta solitaria della classifica marcatori salendo a quota 22 reti. Con la rete realizzata a Marassi il capitano blucerchiato si prende anche il terzo gradino del podio per quel che riguarda i calciatori più decisivi dei cinque campionati più prestigiosi d’Europa: ad oggi infatti solo Lionel Messi (45) e Kylian Mbappé (33) hanno preso parte attiva a più gol del 36enne campano (29 – 21 reti, 8 assist) nei top 5 campionati del Vecchio Continente in questa stagione.

Pavoletti ‘testa d’oro’ d’Europa. Non si ferma Kean

L’attaccante doriano non è però l’unico in orbita nazionale italiana a spiccare a livello continentale. La 32a giornata difatti ha visto andare a segno anche altri bomber del giro azzurro. Nel match tra Torino e Cagliari decisive per il pareggio finale le reti realizzate da Simone Zaza e Leonardo Pavoletti. Un sigillo frutto del solito perfetto colpo di testa (il nono sui dodici messi in cascina in questo campionato) che permette all’attaccante sardo di diventare il calciatore dei top 5 campionati europei ad aver realizzato il maggior numero di gol con questo fondamentale (24) dal 17 maggio 2015 ad oggi. Per quel che riguarda la punta granata invece si tratta soltanto del terzo gol stagionale realizzato con il sesto pallone toccato nel match. Buone notizie per Roberto Mancini arrivano anche dal millennial Moise Kean che contro la Spal sigla il suo sesto centro in questo torneo mantenendo la sua straordinaria media realizzativa di una rete ogni 50 minuti in campo.

Milik bombardiere d’Italia

Importante a livello statistico anche la rete realizzata da Arkadiusz Milik contro il Chievo, salito a quota 17 in classifica marcatori. Con quello che ha chiuso il match del Bentegodi con i gialloblu infatti il polacco ha segnato il suo sesto gol con una conclusione da fuori area: nessuno come lui in Serie A in questa stagione. Se il centravanti partenopeo continua il suo feeling con i sigilli dalla distanza lo stesso vale per Franck Kessié e i tiri dal dischetto: dei 16 gol in Serie A realizzati in carriera fin qui dal centrocampista ivoriano del Milan ben 7 sono arrivati su calcio di rigore.

Dzeko torna al gol all’Olimpico dopo un anno, Perisic ancora a segno in trasferta

La trentaduesima giornata è stata anche l’occasione per Edin Dzeko di mettere finalmente fine al digiuno di gol interni in campionato che durava da un anno. Il bomber bosniaco della Roma infatti prima del match contro l’Udinese non segnava in un match casalingo di Serie A dalla gara contro il Chievo del 28 aprile 2018. Segna ancora in trasferta invece l’interista Ivan Perisic: tutti gli ultimi cinque gol dell’esterno croato in campionato sono stati messi a segno lontano da San Siro.

La classifica marcatori dopo la 32a giornata della Serie A 2018/2019

  • 22 – Quagliarella (Sampdoria).
  • 21 – Piatek (Genoa/Milan).
  • 20 – Zapata (Atalanta).
  • 19 – Ronaldo (Juventus).
  • 17 – Milik (Napoli).
  • 14 – Caputo (Empoli); Immobile (Lazio).
  • 12 – Pavoletti (Cagliari); Petagna (Spal); Belotti (Torino).
  • 11 – Ilicic (Atalanta); Mertens (Napoli).
  • 10 – Icardi (Inter); Gervinho (Parma).
  • 9 – Insigne (Napoli); El Shaarawy (Roma); Defrel (Sampdoria); De Paul (Udinese).
  • 8 – Mandzukic (Juventus); Inglese (Parma); Dzeko (Roma).
  • 7 – Benassi (Fiorentina); Ciano (Frosinone); Kolarov (Roma); Babacar (Sassuolo).
  • 6 – Gomez (Atalanta); Santander (Bologna); Joao Pedro (Cagliari); Stepinski (Chievo); Chiesa (Fiorentina); Muriel (Fiorentina); Simeone (Fiorentina); Martinez (Inter); Perisic (Inter); Kean (Juventus); Higuaín (Milan); Berardi (Sassuolo); Lasagna (Udinese).
  • 5 – Hateboer (Atalanta); Mancini (Atalanta); Pulgar (Bologna); Farias (Cagliari/Empoli); Krunic (Empoli); Ciofani (Frosinone); Pinamonti (Frosinone); Veretout (Fiorentina); Gagliardini (Inter); Perisic (Inter); Dybala (Juventus); Kessié (Milan); Suso (Milan); Zielinski (Napoli); Caprari (Sampdoria); Kurtic (Spal).
  • 4 – Orsolini (Bologna); Pellissier (Chievo); Kouamé (Genoa); Caicedo (Lazio); Lulic (Lazio); Keita (Inter); Nainggolan (Inter); Politano (Inter); Emre Can (Juventus); Lulic (Lazio); Milinkovic – Savic (Lazio); Cristante (Roma); Fazio (Roma); Perotti (Roma); Zaniolo (Roma); Gabbiadini (Sampdoria); Ramirez (Sampdoria); Boateng (Sassuolo); Duncan (Sassuolo); Antenucci (Spal); Baselli (Torino); Falque (Torino); Izzo (Torino); Pussetto (Udinese).
  • 3 – Gosens (Atalanta); Rigoni (Atalanta); Palacio (Bologna); Poli (Bologna); Ionita (Cagliari); Giaccherini (Chievo); Di Lorenzo (Empoli); Zajc (Empoli); Gerson (Fiorentina); Lazovic (Genoa); Pandev (Genoa); Sanabria (Genoa); Vecino (Inter); Bonucci (Juventus); Matuidi (Juventus); Acerbi (Lazio); Correa (Lazio); Luis Alberto (Lazio); Parolo (Lazio); Bonaventura (Milan); Castillejo (Milan); Cutrone (Milan); Callejon (Napoli); Ounas (Napoli); Ruiz (Napoli); Verdi (Napoli); Alves (Parma); Barillà (Parma); Schick (Roma); Under (Roma); Ferrari (Sassuolo); Linetty (Sampdoria); Rincon (Torino); Zaza (Torino); Mandragora (Udinese).
  • Autogol: Djimsiti (Atalanta -1); Masiello (Atalanta – 1); Toloi (Atalanta – 1); Pulgar (Bologna – 1); Bradaric (Cagliari – 1); Ceppitelli (Cagliari – 1); Giaccherini (Chievo – 1); Bani (Chievo – 1); Capezzi (Empoli – 1); Silvestre (Empoli – 1); Lafont (Fiorentina – 1); Ariaudo (Frosinone – 1); Biraschi (Genoa – 1); Spolli (Genoa – 1); de Vrij (Inter – 1); Skriniar (Inter – 1); Emre Can (Juventus – 1); Badelj (Lazio – 1); Wallace (Lazio – 1); Romagnoli (Milan – 1); Alves (Parma – 1); Gagliolo (Parma – 1).