Stop precauzionale per Cristiano Ronaldo che si vede sorpassare in vetta alla classifica dei marcatori da Fabio Quagliarella che supera sé stesso ed eguaglia Luca Toni. Ne approfitta anche Krzysztof Piątek che in rossonero fa già meglio di Higuain e aggancia il portoghese al secondo posto tra i cannonieri. Torna al gol anche Duvan Zapata che diventa il miglior bomber da trasferta d’Europa insieme a Messi e Kane, “prima volta” del Millenials Moise Keane che diventa il più giovane juventino a siglare una doppietta in A degli ultimi 37 anni. Queste e tante altre le principali curiosità riguardo ai bomber di questa ventisettesima giornata della Serie A 2018/2019 che si chiuderà domani con il posticipo tra Roma ed Empoli.

QuagliaRe come non mai

Cristiano Ronaldo tenuto precauzionalmente in panchina contro l’Udinese da Massimiliano Allegri in vista della delicatissima sfida di Champions contro l’Atletico Madrid non ha potuto aumentare il proprio bottino di reti in questo turno di campionato, e così ne ha approfittato l’eterno Fabio Quagliarella che con il gol siglato all’Atalanta sale a 20 reti, stabilisce il suo primato personale in Serie A, si prende la vetta della classifica marcatori ed eguaglia Luca Toni prima di lui unico calciatore nella storia del massimo campionato italiano a raggiungere quota 20 gol in una singola stagione a 36 anni compiuti.

Piatek già meglio di Higuain, Biglia torna con la specialità della casa

Approfitta del turno di riposo concesso a CR7 anche il bomber del Milan Krzysztof Piątek che con il gol da tre punti contro il Chievo aggancia il cinque volte Pallone d’Oro a quota 19 centri. Con il sigillo al Bentegodi, il 7° in campionato da quando è arrivato al Milan, il polacco ha già fatto meglio in rossonero del suo predecessore Gonzalo Higuain (fermatosi a 6 prima di andare al Chelsea), ma ha anche dimostrato di non avere preferenze tra casa e trasferta dato che con quello di Verona, il decimo in cui ha giocato in questa sua prima stagione in Italia, sono sette gli stadi in cui è riuscito a trovare la via della rete. Gol importante dal punto di vista statistico anche quello messo a segno, sempre contro il Chievo, dal suo compagno di squadra Lucas Biglia che ha confermato la propria grande abilità nello sfruttare i calci piazzati: delle sue 15 reti in Serie A infatti ben 12 sono arrivate su sviluppi di palla inattiva (sette su rigore, tre su calcio di punizione diretto, uno su sviluppo di corner e uno su sviluppo di calcio di punizione indiretto).

Zapata come Kane e Messi

Preferisce i gol in trasferta invece Duvan Zapata tornato sul tabellino dei marcatori in questo 27° turno di Serie A e portatosi ora a quota 17 reti complessive. Quello realizzato a Marassi contro la Sampdoria è infatti il suo undicesimo centro stagionale arrivato lontano dall’Atleti Azzurri d’Italia. Bottino in trasferta che lo rende primatista europeo (insieme ad Harry Kane del Tottenham e Lionel Messi del Barcellona) in questa particolare classifica, dato che nessun giocatore ha segnato più reti esterne del colombiano dell’Atalanta nei cinque maggiori campionati del Vecchio Continente in corso.

Belotti e Kean doppiette made in Italy

Per quel che riguarda i bomber però, i grandi protagonisti di questa ventisettesima giornata sono stati senza dubbio Andrea Belotti e Moise Kean, entrambi autori di una doppietta. Il classe 2000 della Juventus ha sfruttato al meglio l’occasione concessagli da Allegri segnando al primo pallone toccato nel match e diventando poi con i suoi 19 anni e 8 giorni di età il più giovane giocatore della Juventus a segnare almeno due gol in una partita di Serie A da Giuseppe Galderisi (18 anni, 329 giorni) nel febbraio 1982. Non si tratta di una prima volta invece per il capitano del Torino che però con i due centri che hanno permesso al Torino di rimontare sul campo del Frosinone ha raggiunto quota 10 gol in questo campionato, eguagliando quindi l’intero bottino ottenuto nella passata stagione.

La classifica marcatori dopo la 27a giornata della Serie A 2018/2019

  • 20 – Quagliarella (Sampdoria).
  • 19 – Ronaldo (Juventus); Piatek (Genoa/Milan).
  • 17 – Zapata (Atalanta).
  • 14 – Milik (Napoli).
  • 13 – Immobile (Lazio).
  • 12 – Caputo (Empoli).
  • 10 – Pavoletti (Cagliari); Petagna (Spal), Belotti (Torino).
  • 9 – Icardi (Inter); Insigne (Napoli); Gervinho (Parma).
  • 8 – Ilicic (Atalanta); Mandzukic (Juventus); Mertens (Napoli); Inglese (Parma); El Shaarawy (Roma).
  • 7 – Benassi (Fiorentina); Ciano (Frosinone); Dzeko (Roma); Kolarov (Roma); De Paul (Udinese).
  • 6 – Gomez (Atalanta); Santander (Bologna); Stepinski (Chievo); Muriel (Fiorentina); Higuaín (Milan); Defrel (Sampdoria); Babacar (Sassuolo).
  • 5 – Mancini (Atalanta); Chiesa (Fiorentina); Simeone (Fiorentina); Martinez (Inter); Suso (Milan); Caprari (Sampdoria); Kurtic (Spal).
  • 4 – Hateboer (Atalanta); Joao Pedro (Cagliari); Pellissier (Chievo); Farias (Cagliari/Empoli); Krunic (Empoli); Veretout (Fiorentina); Pinamonti (Frosinone); Caicedo (Lazio); Keita (Inter); Perisic (Inter); Politano (Inter); Emre Can (Juventus); Dybala (Juventus); Kessié (Milan); Zielinski (Napoli); Cristante (Roma); Fazio (Roma); Ramirez (Sampdoria); Berardi (Sassuolo); Boateng (Sassuolo); Falque (Torino); Lasagna (Udinese); Pussetto (Udinese).
  • 3 – Gosens (Atalanta); Rigoni (Atalanta); Palacio (Bologna); Giaccherini (Chievo); Zajc (Empoli); Ciofani (Frosinone); Kouame (Genoa); Sanabria (Genoa); Gagliardini (Inter); Nainggolan (Inter); Matuidi (Juventus); Acerbi (Lazio); Correa (Lazio); Milinkovic – Savic (Lazio); Parolo (Lazio); Bonaventura (Milan); Castillejo (Milan); Cutrone (Milan); Ounas (Napoli); Ruiz (Napoli); Alves (Parma); Under (Roma); Zaniolo (Roma); Duncan (Sassuolo); Ferrari (Sassuolo); Antenucci (Spal); Baselli (Torino); Izzo (Torino); Rincon (Torino).
  • Autogol: Djimsiti (Atalanta -1); Masiello (Atalanta – 1); Toloi (Atalanta – 1); Bradaric (Cagliari – 1); Ceppitelli (Cagliari – 1); Giaccherini (Chievo – 1); Bani (Chievo – 1); Capezzi (Empoli – 1); Silvestre (Empoli – 1); Lafont (Fiorentina – 1); Ariaudo (Frosinone – 1); Biraschi (Genoa – 1); Spolli (Genoa – 1); de Vrij (Inter – 1); Skriniar (Inter – 1); Emre Can (Juventus – 1); Badelj (Lazio – 1); Wallace (Lazio – 1); Romagnoli (Milan – 1); Alves (Parma – 1); Gagliolo (Parma – 1).