Dal poker di Zapata che entra nella storia dell’Atalanta alla doppietta di Quagliarella che si porta ad un passo dal record di Batistuta, dai gol dei giovani Mancini e Zaniolo a quelli degli habitué Milik e Immobile, dalla continuità nel gioco aereo di Pavoletti a quella in trasferta di Inglese, ecco quali sono le principali curiosità riguardo ai bomber di questa ventesima giornata della Serie A 2018/2019.

Serata no per CR7, al Diavolo Piatek

Ventesimo turno che ha visto restare a secco per la terza volta consecutiva l’ormai ex capocannoniere Krzysztof Piątek, squalificato nel match contro il Milan ed in procinto di accasarsi proprio ai rossoneri dove andrà a sostituire Gonzalo Higuain che andrà al Chelsea di Maurizio Sarri, Il bottino del polacco rimane quindi a tredici reti in questo suo primo campionato in Serie A. Rimane invariato anche il bottino del 33enne cinque volte Pallone d’Oro Cristiano Ronaldo che dopo la serata no contro il Chievo (rigore sbagliato e diverse occasioni fallite) è rimasto a quota quattordici centri in classifica marcatori vedendosi raggiungere in vetta da Fabio Quagliarella e Duvan Zapata.

Quagliarella suona la decima: caccia al record di Batistuta

Ventesima giornata che ha visto andare a segno anche un altro dei “vecchi” bomber di questo campionato, cioè il 35enne Fabio Quagliarella che con la doppietta contro la Fiorentina con cui ha superato Piatek portandosi a 14 marcature in questo torneo e ha per la prima volta in carriera scritto il proprio nome sul tabellino dei marcatori in dieci gare consecutive del massimo campionato italiano eguagliando quanto fatto oltre 24 anni prima da Gabriel Omar Batistuta, ultimo calciatore a trovare il gol in dieci partite di fila in Serie A nonché recordman assoluto con 11 gare consecutive.

Zapata nella storia dell’Atalanta

Continuità in fase realizzativa impressionante anche per il suo ex compagno alla Sampdoria Duvan Zapata che con i quattro gol rifilati al Frosinone è arrivato a quota tredici centri nelle ultime sette apparizioni in Serie A (anche lui sorpassa Piatek in classifica marcatori) diventando di fatto il primo giocatore dell’Atalanta a riuscire in tale impresa nonché il terzo calciatore della storia della società orobica a segnare una quaterna in un singolo match di Serie A dopo Poul Rasmussen e Hans Jeppson (entrambi nel 1952).

I giovani bomber Mancini e Zaniolo

Ventesimo turno che ha visto andare in rete anche diversi giovani calciatori. È il caso dell’altro atalantino Gianluca Mancini autore della rete del vantaggio contro i ciociari diventato così è il difensore più giovane ad aver segnato almeno quattro gol nei cinque maggiori campionati europei in corso (cinque reti per lui). Ma è anche il caso del classe 1999 Nicolò Zaniolo che contro il Torino ha segnato il suo secondo sigillo in questo campionato elevandosi quindi a calciatore più giovane ad aver timbrato almeno due marcature in questo torneo.

Muriel e Okaka cavalli di ritorno

In gol in questa prima giornata del girone di ritorno anche due calciatori appena rientrati in Italia nell’attuale sessione di mercato, ossia Stefano Okaka che contro il Parma ha segnato il gol numero 2000 nella storia dell’Udinese in Serie A e Luis Muriel che esordisce in questo campionato con la maglia della Fiorentina con una doppietta da ex contro la Sampdoria. Primo gol stagionale anche per José Maria Callejon che si sblocca contro la Lazio, la sua vittima preferita nel massimo campionato italiano (sesto centro contro i biancocelesti).

Pavoletti bomber di ‘testa’, Inglese da trasferta

Ventesima giornata che ha visto anche le firme dei soliti noti Ciro Immobile e Arkadiusz Milik che a braccetto salgono a quota 11 centri in questo campionato, e anche degli habitué Leonardo Pavoletti e Roberto Inglese. Il centravanti del Cagliari con la rete realizzata di testa contro l’Empoli ha segnato il suo gol numero 42 nel massimo campionato italiano, stabilendo un impressionante record per quel che riguarda il gioco aereo dato che la metà esatta delle sue marcature in Serie A è stata realizzata di testa. Tradizione confermata anche per l’attaccante del Parma che segnando anche in casa dell’Udinese si conferma come bomber da trasferta, dato che quello realizzato alla Dacia Arena è il quarto sigillo nelle ultime cinque gare giocate lontano dal Tardini dall’ex Chievo Verona.

La classifica marcatori dopo la 20a giornata della Serie A 2018/2019

14 – Zapata (Atalanta); Ronaldo (Juventus), Quagliarella (Sampdoria).
13 – Piatek (Genoa).
11 – Immobile (Lazio); Milik (Napoli).
9 – Caputo (Empoli); Icardi (Inter).
8 – Mandzukic (Juventus); Mertens (Napoli).
7 – Pavoletti (Cagliari); Insigne (Napoli); Belotti (Torino).
6 – Ilicic (Atalanta); Benassi (Fiorentina); Higuaín (Milan); Gervinho (Parma); Inglese (Parma); El Shaarawy (Roma); Defrel (Sampdoria); Petagna (Spal); De Paul (Udinese).
5 – Gomez (Atalanta); Mancini (Atalanta); Santander (Bologna); Suso (Milan); Kolarov (Roma); Caprari (Sampdoria); Babacar (Sassuolo).
4 – Joao Pedro (Cagliari); Stepinski (Chievo); Simeone (Fiorentina); Ciano (Frosinone); Keita (Inter); Cristante (Roma); Ramirez (Sampdoria); Boateng (Sassuolo), Kurtic (Spal).
3 – Rigoni (Atalanta); Farias (Cagliari); Pellissier (Chievo); Krunic (Empoli); Zajc (Empoli); Chiesa (Fiorentina); Veretout (Fiorentina); Kouame (Genoa); Martinez (Inter); Perisic (Inter); Acerbi (Lazio); Correa (Lazio); Milinkovic – Savic (Lazio) Parolo (Lazio); Bonaventura (Milan); Cutrone (Milan); Kessié (Milan); Ruiz (Napoli); Zielinski (Napoli); Fazio (Roma); Under (Roma); Berardi (Sassuolo); Duncan (Sassuolo); Ferrari (Sassuolo); Antenucci (Spal); Baselli (Torino); Falque (Torino); Lasagna (Udinese); Pussetto (Udinese).
Autogol: Djimsiti (Atalanta -1); Masiello (Atalanta – 1); Toloi (Atalanta – 1); Bradaric (Cagliari – 1); Giaccherini (Chievo – 1); Bani (Chievo – 1); Capezzi (Empoli – 1); Silvestre (Empoli – 1); Lafont (Fiorentina – 1); Ariaudo (Frosinone – 1); Biraschi (Genoa – 1); Spolli (Genoa – 1); Skriniar (Inter – 1); Badelj (Lazio – 1); Wallace (Lazio – 1); Romagnoli (Milan – 1); Gagliolo (Parma – 1).