Chi vince il derby di Milano? Facile, facile intuire la risposta se la domanda viene posta a un'icona dei rossoneri. E non è solo per questione d'orgoglio o di campanile che Kakà indica la squadra di Gattuso ("ha il dna rossonero") come favorita per la conquista del primato cittadino. Tre punti che valgono molto di più dello ‘sfizio' di colorare di rossonero San Siro, perché in ballo c'è la certezza di partecipare alla prossima edizione della Champions con tutto quel che ne deriva in termini economici e di brand. Ne è certo l'ex calciatore brasiliano che, nell'intervista alla Gazzetta dello Sport, oltre a pronosticare il successo dei rossoneri indica anche i nomi dei marcatori.

Stasera vince il Milan. Segnano Piatek e Paquetà, entrambi costruiranno la loro storia in questa squadra senza paragoni con il passato. Non credo sia giusto accostare l'attaccante a Shevchenko l'ex Flamengo, Lucas, a me. Devono andare avanti per la loro strada in questo Milan che sta tornando in alto. Ci vorrà del tempo ma Maldini e Leonardo stanno facendo un buon lavoro. E la cosa altrettanto importante è che i bilanci migliorano.

Il Milan ha un piede dentro, l'Inter ne ha uno fuori e ringrazia la Spal per aver battuto la Roma che – almeno per adesso – resta a distanza di sicurezza. Minima ma sempre a distanza… perché il vantaggio non si assottigli servirà non perdere terreno nel posticipo di campionato. E il quarto posto diventa una sorta di linea del Piave dalla quale non recedere per evitare il crollo.

All'andata fu Mauro Icardi a decidere il match con un gol segnato in pieno recupero approfittando di un'indecisione di Gigio Donnarumma in uscita. Adesso le cose sono cambiate in maniera impensabile, l'argentino è finito ai margini della squadra e dello spogliatoio, l'ago della bilancia è tutto dalla parte del ‘diavolo'.