Mancano ancora più di due mesi all’inizio della sessione di mercato di gennaio, ma i vari top club d’Europa stanno già cominciando a muoversi con largo anticipo. Trattative, chiacchiere, sondaggi. Fanno tutti parte di un percorso che da qui a poco ci porterà a rivivere nuovamente le emozioni del calciomercato. Una delle squadre italiane che (come tradizione) si sta cominciando a muovere con cautela e nell’ombra a caccia del colpo perfetto, è la Juventus (e in parte anche la Roma). I bianconeri hanno infatti messo nel mirino Leonardo Balerdi.

Difensore centrale classe 1999 del Boca Juniors, il talento argentino sembra rispondere a tutti i requisiti che la Vecchia Signora sta cercando per provare ad azzardare un ricambio generazionale in difesa vista anche l’età di Chiellini e Bonucci. La difficoltà nel trovare un centrale all’altezza è stata tangibile lo scorso anno con il momentaneo passaggio di Leo al Milan. L’altro Leonardo dunque, sarebbe in questo momento in cima alla lista dei nomi per la difesa stilata da Paratici. Ma occhio al Barcellona. Sembra essere infatti un vero testa a testa tra i due club per prendersi Balerdi che per tutti è già un predestinato al successo nel calcio europeo.

Carattere e grinta come il suo maestro

Chiamatela pure una dote, o forse un segno di debolezza. Ma sta di fatto che sicuramente per giocare come difensore centrale, Balerdi il carattere ce l’ha e anche tanto. Non poteva che aver imparato bene gli insegnamenti del suo allenatore, il giovane 19enne. Il talento argentino ha fatto parte della squadra riserve allenata dal Flaco Rolando Schiavi fino allo scorso anno, un’autentica icona del club Xeneize, e gioca ovviamente da marcatore centrale.

Il profilo e la scheda tecnica di Leonardo Balerdi (fonte Transfermarkt)
in foto: Il profilo e la scheda tecnica di Leonardo Balerdi (fonte Transfermarkt)

Schiavi e' uno che ha lottato sempre con il coltello tra i denti, e Balerdi sembra aver assimilato proprio il suo modo di vivere le partite e approcciarsi a una gara. Ne è stato un esempio il match giocato lo scorso anno dal Boca Under-20 quando, pur di non farsi sfuggire un avversario (del Newell's Old Boys), si e' buttato a terra bloccandolo addirittura con la testa! in pieno stile Schiavi. Insomma, una grinta non indifferente e una cattiveria agonistica in pieno stile “garra”. Alla Juve farebbe comodo.

Da quest’anno in prima squadra

E’ indubbiamente uno dei talenti con il maggiore margine di crescita che il tecnico del Boca Schelotto sia riuscito ad ammirare nella squadra B del club argentino. Con la complicità e i preziosi consigli anche del Flaco, il ragazzo di Villa Mercedes è stato seguito con molta attenzione, e ben presto diventerà uno dei perni della difesa del Boca.

La sua carriera e la prima presenza con il Boca dei ’grandi’ (Transfermarkt)
in foto: La sua carriera e la prima presenza con il Boca dei ’grandi’ (Transfermarkt)

In questo campionato Balerdi ha cominciato stabilmente la sua avventura in prima squadra, anche se già alcune volte lo scorso anno si era allenato con i compagni "maggiori". Il difensore e' arrivato al Boca Juniors nel 2013, ed all'inizio giocava come centrocampista. La sua buona visione di gioco e, principalmente la sua statura, che già era superiore alla media per la sua età, oggi è alto 187 cm, portarono i tecnici della formazione giovanile, ad arretrarlo in difesa. I consigli di Schiavi poi e il giusto mix tra tecnica e scelta dei tempi, hanno creato oggi un modello di difensore moderno che tanto somiglia proprio a Bonucci.

El mejor de la historia 🙌🏻⚽️🔟🇦🇷👑

A post shared by ~ Leo Balerdi ~ (@leobalerdi5) on

Già respinto il primo assalto del Barcellona

Dicevamo che si tratta di un difensore dotato di una buona tecnica, movimenti giusti, tempi perfetti nell’anticipo anche aiutato da un fisico importante. La sua tenacia l’ha portato a debuttare in questa stagione con la maglia dei ‘grandi’ del Boca Juniors all’esordio in campionato contro l’Huracan. Ben novanta minuti giocati con determinazione e carattere che hanno convinto subito anche il pubblico presente sugli spalti che l’ha ammirato dal primo all’ultimo secondo. Balerdi non è solo un talento da lanciare nel calcio e vendere poi al miglior offerente nel momento del suo picco in termini di valori.

Vamos @bocajrsoficial 💪🏻💛💙

A post shared by ~ Leo Balerdi ~ (@leobalerdi5) on

Il Boca lo sta preservando e a dimostrazione di questo, in estate ha già rifiutato una prima offerta arrivata direttamente dalla Spagna, precisamente dal Barcellona. I catalani hanno offerto al club argentino ben cinque milioni e mezzo di dollari. Proposta respinta al mittente. Ma occhio sempre alla Liga, perchè il Valencia potrebbe fare un inserimento che a questo punto sorprenderebbe anche la Juventus che resta vigile sul giocatore.

Il luogo di nascita e il ‘caso’ Libertadores

Grandi prospettive e una plusvalenza che potrebbe far schizzare letteralmente in alto il fatturato del Boca Juniors. La Juventus potrebbe fare leva sugli ottimi rapporti con il club che in passato hanno portato a termine la mega operazione Tevez che alla Juve ha poi fruttato l’arrivo in squadra di Bentancur, uno dei talenti del centrocampo di Allegri. Balerdi è stato tesserato dal Boca quando aveva soltanto quattordici anni. La sua carriera era iniziata proprio nello Sportivo Pueyrredon, club di Villa Mercedes.

Felices 1️⃣1️⃣3️⃣ años de historia @bocajrsoficial !!🔹🔸🔹

A post shared by ~ Leo Balerdi ~ (@leobalerdi5) on

Il suo ruolo iniziale di mediano non era affatto interpretato male ma le esigenze di vedere all’opera e far crescere un buon difensore centrale, erano più alte. E così fu Fabian Fedullo a dargli una nuova collocazione. Scelta azzeccata ad oggi dato che il 18 aprile scorso Balerdi ha firmato il suo primo contratto da professionista con il Boca Juniors. Curioso anche il suo inserimento nella lista della Coppa Libertadores: all’ultimo momento con la maglia numero 9 dell’infortunato bomber Dario Benedetto.

Sul giocatore però c’è anche la Roma di Monchi

Per ora dunque nessuna offerta ufficiale da parte della Juventus che come al solito punta il giocatore per poi aggredire la preda quando ha capito su quale cifra potrà chiudere al primo colpo l’affare. Ben altra invece la strategia del Barcellona che dopo il rifiuto dei cinque milioni e mezzo iniziali, ha provato un nuovo assalto l’estate scorso in cui ha avanzato un’offerta da 10 milioni di euro. Tuttavia, la dirigenza del Boca per il momento ha rifiutato poiché intende puntare con forza sul proprio gioiello per poi venderlo dietro un corrispettivo ben più cospicuo. Ma occhio alla Roma.

Che in estate dopo i tanti giovani acquistati, Monchi sta puntando proprio Balerdi. In Argentina si parla di un’offerta di 8 milioni di dollari dei giallorossi al Boca Juniors per il 19enne, considerato un futuro crack del calcio sudamericano. Balerdi in effetti in Argentina ha già fatto parlare di sè questa estate per la sua convocazione a sorpresa con il Boca nella lista per la coppa Libertadores, ma soprattutto per la convocazione da parte dell’ormai ex ct Sampaoli per il Mondiale in Russia come membro della squadra riserve della Seleccion.