Ha vent'anni, cinque in meno di Mauro Icardi. E' argentino, come Mauro Icardi. Segna gol pesanti, come Mauro Icardi. Sarà nerazzurro, come Mauro Icardi. Ma Lautaro Martinez è più di Mauro Icardi. Almeno in patria dove il capitano nerazzurro non ha mai goduto di grandissima fama, tanto che adesso si ritorna a parlare di una sua possibile esclusione dai prossimi mondiali in Russia, visto che anche nello spogliatoio albiceleste non gode di gran fama.

Se a tutto ciò si aggiunge l'ultimo exploit nell'esordio in Copa Libertadores allora si può facilmente comprendere come Lautaro sia il volto nuovo di quest'Argentina che vuole emergere con un titolo iridato il prossimo giugno, guidata da Messi, il fenomeno pluridecorato col Barcellona ma a secco in nazionale.

In Argentina è Lau..'Toro' mania

La tripletta in Libertadores

In Argentina non a caso non si parla di altro: dei gol di Lautaro, del suo presente al Racing di Avellaneda, del suo futuro all'Inter e delle speranze argentine per i mondiali. Tutti lo esaltano e lui si prende di diritto la scena con le prime pagine dei giornali sportivi e l'applauso dei suoi tifosi e connazionali. A discapito di Icardi.

Ho promesso di rimanere fino a metà anno, sono contento di questo. Il mio obiettivo adesso è migliorare giorno dopo giorno, oggi ho realizzato il sogno di giocare in Copa Libertadores. È stato un giorno molto speciale per me

Maurito rischia i Mondiali

Non è un segreto che il capitano nerazzurro viva da sempre un rapporto conflittuale con il suo Paese dove non è mai stato fino in fondo amato. A parlare per Icardi per diverso tempo non sono stati i gol con l'Inter ma le esclusioni con l'Argentina e le vicissitudini personali con Wanda, ex consorte del connazionale Maxi Lopez. Oggi, con l'esplosione di Lautaro Martinez, ecco che Icardi puntualmente rischia di essere messo di nuovo da parte.

Da Maurito a Lautaro, Inter tutto ok

Non solo in Nazionale, ma anche nell'Inter dove si vocifera da tempo di un probabile addio del capitano argentino alla volta di qualche top club d'Europa pronto a pagare la clausola milionaria a giugno. Forse anche per questo, l'Inter stessa è già corsa ai ripari opzionando il Toro Martinez per fine stagione, inserendolo di diritto nella nuova rosa 18-19. Forse insieme a Icardi, o forse come naturale sostituto.

Quanto costa Lautaro

L'accordo tra il Toro e la Beneamata non è ufficiale ma è tutto concluso da tempo. Ausilio e Sabatini hanno superato le concorrenze spagnole di Real  e Atletico, hanno chiuso col club e col giocatore che si trasferirà a Milano a fine stagione. Per vestire il nerazzurro a lungo. I dettagli sono già trapelati: un cartellino pagato 20 milioni di euro, più due di bonus, e una percentuale su una eventuale cessione. 

https://www.youtube.com/watch?v=UsVK-RXUIZQ