I giocatori del Cardiff vogliono scendere in campo per onorare Emiliano Sala. Ad affermarlo è l'ex attaccante del club gallese Nathan Blake. La polizia di Guernsey ha stoppato giovedì sera le operazioni di ricerca e soccorso per ritrovare l'aereo scomparso che trasportava l'attaccante argentino e il pilota David Ibbotson in terra gallese: il capitano di porto David Barker ha dichiarato che le possibilità di sopravvivenza sono "estremamente remote". L'attaccante argentino Sala stava andando da Nantes a Cardiff per unirsi al suo nuovo club, dopo aver effettuato il trasferimento dalla Ligue 1 alla Premier League ad una quota record per il club gallese (18 milioni di sterline), quando l'aereo è scomparso dai radar e tuttora non si hanno notizie precise.

L'amministratore delegato di Cardiff, Ken Choo, ha fatto sapere che la società intende rendere omaggio a Emiliano Sala prima del calcio d'inizio contro l'Arsenal all'Emirates Stadium il prossimo martedì con un minuto di silenzio mentre l'ex calciatore del club gallese Nathan Blake, che ha iniziato la sua carriera da professionista proprio con il Cardiff, ha dichiarato:

I giocatori si uniranno e proveranno ad allenarsi o a giocare, non importa per cosa, cercheranno di fare del loro meglio con Emiliano in mente. Come una specie di segno di rispetto, vogliono scendere in campo per lui: vincere, perdere o pareggiare, non importa, vogliono solo giocare.

L'appello della sorella

La sorella del calciatore argentino Emiliano Sala ha esortato i soccorritori a continuare le ricerche dell'attaccante del Cardiff: "Penso che in momenti come questo si vede davvero cos'è davvero il calcio, con i tifosi e anche i calciatori che si fondono come una famiglia e si sostengono sinceramente a vicenda. Vi prego non fermate le ricerche, sento che è ancora vivo". Romina Sala ha fatto un appello alle autorità per continuare a cercare il fratello mentre il Nantes, ex club dell'argentino, ha reagito con rabbia alla decisione dell'interruzione e ha voluto renderla pubblica con un tweet.