Dopo Marek Hamsik, un altro beniamino del pubblico del San Paolo potrebbe lasciare a fine stagione. Le ultime notizie di mercato del Napoli riguardano proprio la situazione di Dries Mertens: attaccante 32enne con contratto in scadenza nel 2020, ingaggio di circa 5 milioni di euro e una clausola rescissoria di 28 milioni da esercitare entro il 15 giugno. Secondo la "Gazzetta dello Sport", il giocatore belga non rinnoverà con il club partenopeo e finirà anche lui per volare in Cina.

I contatti tra l'entourage del calciatore e la società di Aurelio De Laurentiis sono in corso da tempo, e di fronte alla richiesta di un prolungamento di altri tre anni il Napoli pare che abbia risposto "picche": alimentando di fatto le voci di un possibile addio di "Ciro" al termine della stagione. Un divorzio al quale Mertens vorrebbe però arrivare senza strappi con il presidente, la dirigenza e soprattutto con la tifoseria campana.

L'ammissione di Mertens

Protagonista nel Napoli dei record di Maurizio Sarri con giocate e gol spettacolari, e cercato anche lui dal Dalian durante la trattativa di gennaio che ha portato Hamsik nella Chinese Super League, è stato lo stesso Mertens a tenere aperta la porta ad un possibile trasloco nel paese orientale: "Futuro in Cina? Non si sa mai, tra un anno mi scadrà il contratto in azzurro, forse potrebbe accadere in quel momento", ha spiegato il belga, nell'intervista concessa qualche settimana fa al South China Morning Post.

Proprio come è già accaduto per Hamsik. De Laurentiis non è però disposto a fare sconti ai cinesi. Il patron partenopeo è infatti intenzionato a chiedere i 28 milioni di clausola rescissoria e a fare eventualmente lui il prezzo dopo la scadenza di giugno. Anche lo stesso Mertens ha richieste particolari da fare ai possibili acquirenti orientali. Il giocatore, che oggi guadagna 4 milioni all'anno, ne vorrebbe infatti almeno 10/11 milioni a stagione per accettare e firmare il nuovo contratto.