A pochi giorni dalla partita contro l'Atalanta, la squadra che lo ha lanciato e che gli ha permesso di farsi conoscere al grande pubblico, Franck Kessie è tornato a parlare del momento del Milan e soprattutto del suo futuro. Il giocatore ivoriano, recentemente accostato al Chelsea nell'ambito dell'operazione Bakayoko, ha smentito ogni ipotesi di lasciare Milanello per trasferirsi in Inghilterra, dove ci sarebbero anche altre squadre molto interessate a lui.

"I rumors sul Chelsea e sul Tottenham? Ho 5 anni di contratto e sto bene al Milan – ha spiegato il centrocampista rossonero in un'intervista concessa a Sportmediaset – C’è un grande mister che sta facendo le cose bene, con tutti noi, con tutti i giocatori. Abbiamo il sogno di tornare in Champions League e io voglio continuare a coltivarlo fino alla fine".

Le sirene di mercato

Sul ventiduenne cresciuto proprio nella "cantera" bergamasca, nelle ultime settimane hanno chiesto informazioni anche altri grandi club come Tottenham, Arsenal, West Ham e Paris Saint-Germain. Persino dalla Cina si sono interessati a lui. Un interesse generale, che a Casa Milan hanno accolto con curiosità e che potrebbe anche far vacillare il club di via Aldo Rossi. Con il giocatore sotto contratto fino al 2021, e un prolungamento che presto verrà discusso, Leonardo e Maldini potrebbero anche ascoltare offerte superiori ai 30 milioni di euro.

In attesa di capire quale sarà il suo futuro, Kessie torna all'Atleti Azzurri d'Italia: uno stadio che non ha dimenticato. "Sono molto contento di tornare a Bergamo, anche se torno per giocare come avversario – ha concluso il giocatore di GattusoDevo andare lì da avversario ma è bello lo stesso. L'Atalanta ha un pubblico fantastico. L'anno scorso ho segnato e non ho esultato, se farò ancora gol non esulterò".