Il presidente Paolo Scaroni è stato chiaro. Dopo la sconfitta di Torino, e poco prima dell'incontro con Gattuso avvenuto a Casa Milan nelle ultime ore, il numero uno rossonero ha infatti candidamente confessato che "senza la Champions League ci sarebbe sicuramente un impatto economico evidente e immediato". Un messaggio rivolto a tutti, che inevitabilmente potrebbe finire per condizionare anche il lavoro di Leonardo e Maldini.

Le ultime notizie di mercato del Milan, sia in entrata che in uscita, passano dunque da quello che sarà il piazzamento finale di Romagnoli e compagni: oggi a – 3 dal quarto posto dell'Atalanta. Se il Diavolo rimarrà fuori dall'Europa che conta, il tesoretto a disposizione per il mercato sarà certamente meno importante e potrebbe anche essere messo a disposizione di Leonardo e Maldini solo attraverso alcune cessioni eccellenti.

Il taglio alla rosa milanista

In attesa di capire chi sarà il nuovo allenatore e quali saranno gli eventuali giocatori che verranno sacrificati per far cassa, il Milan procederà intanto a tagliare gli esuberi della rosa. A partire da Montolivo, Bertolacci e José Mauri: tre dei cinque giocatori in scadenza, che insieme a Zapata e Abate permetterebbero al club di via Aldo Rossi un risparmio sugli ingaggi di quasi 10 milioni di euro netti.

Insieme a loro potrebbero partire anche Antonio Donnarumma e Strinic, praticamente mai utilizzati, e anche giocatori come Bakayoko (sul cui riscatto pesa l'accordo da 35 milioni preso con il Chelsea) e Castillejo: quest'ultimo in obbligo di riscatto a 15 milioni, ma che la società milanese potrebbe anche decidere di vendere successivamente. La mancata qualificazione in Champions e i vincoli imposti dal Fair Play Finanziario dell'Uefa, saranno dunque ostacoli ingombranti con cui Leonardo e Maldini dovranno confrontarsi nella prossima estate.