In attesa di definire il futuro di Neymar e Mbappè, seguiti con interesse da Barcellona e Real Madrid, il Paris Saint-Germain sta valutando altri possibili innesti nella formazione di Thomas Tuchel. Il tutto grazie alla sapiente regia di Leonardo: tornato a Parigi dopo l'anno trascorso a fianco di Paolo Maldini nel Milan del gruppo Elliott. Dopo il ritorno per il fine prestito di alcuni giocatori, e l'acquisto di Pablo Sarabria dal Siviglia, il dirigente brasiliano avrebbe infatti messo gli occhi su un suo ex giocatore.

Oltre all'interesse per Gigio Donnarumma, Leonardo si sarebbe esposto per chiamare a Parigi anche Tiémoué Bakayoko: ex centrocampista del Milan, rientrato al Chelsea dopo il prestito. Secondo quanto riportato da "Le Parisien", il nuovo direttore sportivo dei campioni di Francia avrebbe infatti pensato al 24enne franco ivoriano: reduce da un'ottima stagione in Italia, nonostante le polemiche per il caso Acerbi e per la famosa litigata con Gattuso.

Le difficoltà della trattativa

Convincere la dirigenza del Chelsea, e soprattutto il nuovo allenatore Frank Lampard, non sarà però un'impresa facile neanche per un dirigente navigato ed esperto come Leonardo. Dalle parti di Londra, ci sarebbe infatti l'intenzione di dare a Bakayoko una chance importante, dopo le molte panchine che il centrocampista francese fu costretto a scaldare durante l'ultimo anno di Antonio Conte allo Stamford Bridge.

Il blocco del mercato del Chelsea, che non potrebbe prendere un sostituto, e i 38 milioni di euro necessari per il suo cartellino (cifra che il Milan si è rifiutato di pagare per il riscatto), sono ulteriori problemi che Leonardo dovrà affrontare se davvero vorrà strappare Bakayoko ai londinesi. In caso di fallimento della trattativa, secondo i giornali francesi, il Paris Saint-Germain potrebbe dirottare le proprie attenzioni su due alternative già individuate: Julian Weigl del Borussia Dortmund e Idrissa Gueye dell’Everton.