Diego Godin è oramai un futuro giocatore dell'Inter che verrà. Dalla prossima estate, quando nella sessione estiva i nerazzurri completeranno l'iter che porterà il capitano della nazionale dell'Uruguay a Milano in una trattativa filata via in pochi giorni senza alcun tentennamento. Da parte del giocatore c'è stato subito l'interesse di affrontare l'avventura della Serie A, l'Atletico non ha trovato l'accordo per il rinnovo e l'Inter ha confermato la volontà di chiudere l'affare senza ulteriori aste al ribasso.

Per l'Inter che verrà, Diego Godin non rappresenta un giocatore qualsiasi: esperto, vincente, leader di personalità sia in campo che fuori. Sarà anche il giocatore nerazzurro più pagato: 6 milioni di euro a stagione per un biennale con opzione per una terza stagione in base ai risultati della squadra e alle prestazioni personali.

L'eccezione di Marotta

Un acquisto che rappresenta la classica eccezione della ‘regola' Marotta, la linea verde imposta dal neo amministratore delegato ingaggiato per portare in casa nerazzurra nuovi trofei. Non subito, anche se l'obiettivo prossimo venturo vorrebbe essere uno tra la Coppa Italia e l'Europa League, di certo dal prossimo anno con il gap tecnico dalla Juventus sempre più accorciato. Godin ha 33 anni e avrà uno stipendio ‘top', anche perché arriverà a parametro zero, senza alcun ulteriore esborso.

Quanto guadagnerà nell'Inter

Un compito delicato e difficile ma che sta proseguendo su basi certe, come l'ingaggio di un trascinatore come il difensore oggi all'Atletico, per il quale la società di Suning è pronta a elargire uno stipendio ‘fuori quota'. 6 milioni di euro rappresentano infatti un tetto al quale nessuno al momento è riuscito a raggiungere, nemmeno Mauro Icardi, capitano e bomber nerazzurro che, però, è di nuovo in trattativa con la società.

Le ripercussioni sul monte ingaggi

Il pericolo cui Suning si sta esponendo è proprio questo: pagare così tanto l'ultimo arrivato costringerebbe il club a subire il ‘rilancio' di chi è già in nerazzurro e che non avrebbe intenzione di partire. I top player per intenderci, come lo stesso capitano argentino Mauro Icardi (che gli ultimi rumors vorrebbero a questo punto con un ingaggio proprio da 6 milioni), ma anche i vari Perisic, De Vrij, Skriniar (molto richiesto dalla Premier) tutti pronti a presentarsi da Marotta per ridiscutere i parametri.