Ogni due, tre settimane Ivan Rakitic è costretto a smentire trattative o possibili trasferimenti che ha già negato diverse volte ma, ormai, si è capito che più ci si addentra nella sessione di mercato e più tornano i cavalli di battaglia. Dopo le insistenti voci di un suo possibile passaggio all‘Inter nel mese di gennaio, il calciatore del Barcellona aveva già raffreddato la pista nerazzurra nei mesi scorsi e così è stato anche nell'intervista che ha rilasciato al quotidiano spagnolo Mundo Deportivo:

Non so come mai io sia stato accostato all’Inter. Rispetto molto le altre squadre e l’Inter lo è. Quest’anno abbiamo giocato anche contro di loro, lì ho dei compagni di nazionale e li stimo. Ma sono dove voglio essere, se pensano a me vuol dire che qui al Barcellona sto facendo le cose giuste. Sono felice, così come la mia famiglia.

Il centrocampista croato, che è stato uno dei più utilizzati da Ernesto Valverde durante la stagione resta sempre uno degli indiziati a lasciare la Spagna durante la prossima finestra di calciomercato:

È una situazione che non è stata creata da me Per quanto mi riguarda, non ho dubbi. Ho tre anni di contratto col Barça e questo è il posto dove voglio essere, dove sono felice. Sto facendo le cose nel modo giusto qui e non ho altri pensieri. Posso capire che si parli e che ognuno abbia la sua opinione, rispetto ciò ma non ho mai avuto il pensiero di andarmene.

Anfield lezione. L'anno prossimo vogliamo vincere tutto

Rakitic si è soffermato sulla stagione del Barcellona, che il 25 maggio giocherà la finale di Copa del Rey contro il Valencia e ha già conquistato la Liga:

Non sarà facile. Giochiamo contro una squadra che sta facendo molto bene e che ha molta fiducia, anche se è stata eliminata in semifinale di Europa League. È l'ultima partita della stagione, c'è un titolo in palio e non vediamo l'ora di finire con un ‘doblete’ e un altro titolo.

Infine il centrocampista vicecampione del mondo non nasconde l'amarezza ripensando all’eliminazione dalla Champions League per mano del Liverpool e per il modo in cui è arrivata ad Anfield Road:

Nello sport in generale accadono cosa che non si possono spiegare. Abbiamo già detto che impareremo da quanto successo con il Liverpool: nessuno avrà più rabbia o più desiderio di noi il prossimo anno. Il Barça giocherà per vincere tutto. Il calcio ci ha dato di nuovo una lezione molto dura, ma dobbiamo lasciarcela alle spalle.