Gira tutto intorno all'attacco. L'Inter non sta di certo a guardare e sta provando a mettere a segno quanto prima il colpo là davanti che farebbe accendere la spia ‘completo' sulla rosa da consegnare a Conte. Certo, ci sono prima da risolvere un pò di situazioni. Per arrivare a Dzeko e Lukaku, i nomi caldi che da un pò di tempo sono fermi sul taccuino di Marotta in attesa di essere depennati, bisognerà attendere le mosse, rispettivamente, di Roma e Manchester United. I giallorossi stanno aspettando che Higuain si decida e che quindi il sostituto del bosniaco possa già essere a disposizione di Fonesca per il ritiro. Dall'altra parte invece, a Manchester, lo United non si scosta dalla richiesta di 70 milioni nonostante la consapevolezza dell'accordo già trovato fra il giocatore e il club nerazzurro.

Nel frattempo però, non si placano le polemiche sulla dichiarazione aperta e ufficiale da parte di Marotta, di aver messo alla porta Icardi e Nainggolan. Entrambi però in attesa di una collocazione, potrebbero essere presenti al ritiro della squadra. Per Maurito è forte il pressing della Juventus che ha tolto dal mercato Dybala spegnendo dunque i sogni del club di poterlo scambiare con la ‘Joya'. E allora ecco che a tenere banco è la clamorosa ipotesi di uno scambio col Napoli che vedrebbe Insigne vestire nerazzurro. Ma vediamo dunque nel dettaglio le ultime notizie sul fronte mercato dell'Inter.

Lukaku, Dzeko e Barella i nomi caldi. Ma spunta Milinkovic-Savic

L'Inter continua a lavorare, non proprio nell'ombra, sui tre obiettivi principali già noti: Dzeko, Lukaku e Barella. la prima notizia è che sul bosniaco c'è da registrare una brusca frenata della trattativa. Da un lato c'è infatti la richiesta della Roma di 20 milioni di euro che allontana i nerazzurri che mettono sul piatto al massimo 10. Dall'altro c'è la volontà dei giallorossi di voler prima trovare un sostituto a Edin (Higuain in pole) e poi virare sulla cessione. Per questo l'Inter in questo momento, data la distanza, si sta muovendo su altri fronti. Vuole infatti chiudere quanto prima almeno l'affare Lukaku, bloccato dalla richiesta ferma del Manchester United di 75 milioni di sterline, circa 83 milioni di euro. Il giocatore ha già un accordo con il club nerazzurro ma convincere il club inglese è davvero un'ardua impresa.

Saltata l'ipotesi di inserire Perisic nella trattativa e con un'offerta dell'Inter da 60 milioni, l'ipotesi è quella di un con un prestito oneroso accompagnato dall’obbligo di riscatto. Solo in questo modo potrebbe definirsi chiusa la vicenda. Per Barella invece si potrebbe chiudere anche la settimana prossima. Nonostante l'offerta in mano al Cagliari da parte della Roma di 35 milioni più Defrel avesse convinto Giulini, il presidente dei sardi è disposto a incontrare l'Inter per accontentare il calciatore convinto dal progetto Conte. Con 36 milioni più 4 di bonus l'affare si potrà chiudere. Nelle ultime ore, a centrocampo, si è parlato anche di Milinkovic-Savic come nome nuovo per l'Inter. Con il Psg in agguato e la Juventus sullo sfondo, questo sembrerebbe proprio uno sgarbo ai bianconeri in risposta alla controffensiva Lukaku. La proposta sarebbe quella di soldi cash più Gagliardini che è graditissimo a Simone Inzaghi.

Il clamoroso scambio Icardi-Insigne!

Definirla trattativa aperta sarebbe un errore, diciamo che il possibile scambio Icardi-Insigne, che sulla carta accontenterebbe entrambe le parti, sta prendendo velocemente forma. L'Inter potrebbe anche giocare d'astuzia per mettere fretta alla Juventus, ma in realtà il Napoli non ha alcuna intenzione di passare da ‘oggetto' per i dispetti fra i due club. E allora se il Napoli da un lato potrebbe mettere sul piatto un'offerta da 60 milioni di euro, ma solo dopo le cessioni dei vari Inglese, Verdi, Ounas, Mario Rui e Hysaj, ecco che dall'altra si fa avanti il sacrificio di Lorenzo Insigne.

L’attuale valore di mercato di Lorenzo Insigne (Transfermarkt)
in foto: L’attuale valore di mercato di Lorenzo Insigne (Transfermarkt)

Il 24 degli azzurri ha un valore di mercato di 65 milioni di euro e guadagna uno stipendio importante (4.6 milioni netti a stagione) e può essere una pedina importante da utilizzare nello scambio. D'altronde, De Laurentiis non ha mai nascosto la sua ammirazione nei confronti di Maurito che fu scelto come sostituto di Higuain, l'estate in cui firmò con la Juventus, nonostante poi non se ne fece più nulla. Nel frattempo però, il nome di Insigne sta già scaldando i cuori dei tifosi nerazzurri e di Conte.

Dani Alves e Gervinho sono le pazze idee di Conte

Ma nell'infinito taccuino di Marotta, potrebbero spuntare anche altri due nomi che a sorpresa potrebbero fare al caso di Conte. Su tutti, quello di Dani Alves. L'esterno brasiliano, svincolato dal Psg, ex Juventus, potrebbe approdare all'Inter. La trattativa è entrata nel vivo e non è detto che in brevissimo tempo non si possa chiudere. In Brasile si parla di una proposta da parte dei nerazzurri, pervenuta al giocatore, che soddisferebbe l'esterno sia dal punto di vista economico che contrattuale. Ma nell'ombra c'è un desiderio di fare ritorno al Barcellona neanche troppo nascosto da parte del giocatore che gode però anche della corte di Siviglia e Atletico Madrid, senza tralasciare la Juventus che potrebbe anche pensare di ingaggiarlo in caso di addio di Cuadrado.

Ma la pazza idea di Conte ha un nome ben preciso, ed è quello di Gervinho. L'attaccante ivoriano ha fatto ulteriormente breccia nel cuore di Conte dopo l'ottima stagione, l'ultima, al Parma, al suo ritorno in Italia. Un giocatore che per caratteristiche di velocità, imprevedibilità e senso del gol, risponde in pieno al profilo di giocatore che cerca Conte per la sua Inter. Al momento non ci sarebbe una trattativa ben precisa in atto, ma un'ipotesi, un piano B, in caso di mancato arrivo degli obiettivi principali.

Icardi e Nainggolan sono fuori. Perisic via solo per una folle offerta

Icardi e Nainggolan non rientrano nel progetto Inter per il prossimo anno. Diciamo in questi termini, senza peli sulla lingua, Marotta ha messo alla porta i due giocatori. Per il primo, come detto, resta in essere questa clamorosa ipotesi di scambio con il Napoli che avrebbe messo sul piatto Lorenzo Insigne. Ma c'è ovviamente da registrare l'interesse della Juventus che potrebbe anche pensare di pagare l'intero prezzo del cartellino del giocatore o anch'essa proporre l'ipotesi di scambio con Higuain. Insomma, un intrigo di mercato in uscita importante per i nerazzurri che dovranno stare molto attenti al bilancio e alle plusvalenze tenendo a bada dunque anche le possibili entrate.

Per Nainggolan invece, c'è da registrare un'offerta dalla Cina, rifiutata però dal calciatore che già si è visto voltare le spalle anche dal Barcellona che non ha gradito la sua contropartita a un eventuale scambio proposto dall'Inter con Vidal. Il ‘Ninja' aveva anche intenzione di convincere Conte, ma viste le premesse, non punterà i piedi per restare, ma stare attento a valutare la giusta offerta per lasciare i nerazzurri. Intanto il West Ham s'è fatto avanti per Perisic, il croato non è in uscita ma a fronte della giusta offerta anche la sua cessione sarebbe valutata. Anche lo Shanghai Shenhua avrebbe presentato una prima offerta da 35 milioni di euro, ma il giocatore ha respinto la destinazione.

Una punta e un altro esterno sulla fascia sinistra. Ecco cosa manca

In attesa di definire questi colpi, Marotta e Conte hanno idee ben precise su cosa serva a questa Inter. Una punta da affiancare a Lautaro Martinez che in Copa America ha dimostrato di essere davvero pronto per la consacrazione definitiva e un esterno sinistro che possa però magari anche giocare a destra. Certo, non è da sottovalutare l'ipotesi di un centrocampista che almeno in termini numerici possa prendere il posto di Nainggolan. In questo senso il nome nuovo è quello di Matic ma la trattativa sembra comunque complicata. Per il momento, con la difesa al completo, sembrano essere davvero queste le priorità di un progetto Inter che per ora sta rispettando tutti i canoni precisi e metodici della coppia Marotta-Conte pronta a sorprende ancora.