Conquistare il quadriplete e fare della stagione attuale qualcosa da consegnare alla leggenda. Poi Massimiliano Allegri e la Juventus potranno anche dirsi addio: la vittoria della Champions League è l'ultimo tassello che manca nella bacheca dei trionfi raccolti con il tecnico livornese. La corsa ripartirà da febbraio, per adesso bisogna ‘accontentarsi' della Coppa Italia. Quanto al campionato, a giudicare dal trend di risultati (quelli propri e quelli delle dirette concorrenti), lo scudetto sembra già cucito sulla maglia dei bianconeri. E allora gli ottavi di finale di Tim Cup (sabato sera, ore 20.45, match col Bologna) rappresentano una sorta di test per rimettersi in carreggiata, verificare condizioni e stato di forma dopo circa un mese di stop.

La Coppa Italia è un obiettivo della stagione come Champions, scudetto e Supercoppa – ha ammesso allegri in conferenza stampa -. Tra l'altro dovremo andare a Bologna su un campo difficile, perché loro cercheranno di fare l'impresa ed eliminare la Juve.

Quale Juventus si vedrà all'opera al Dall'Ara sabato sera? Quasi sicuramente non ci sarà Mario Mandzukic ("no good"… dice l'allenatore quando gli chiedono notizie sul problema muscolare che ha fermato il croato) mentre il turnover sarà contenuto tant'è che tra i pali – in previsione della Supercoppa – ci sarà Szczensy e non Perin, mentre in attacco potrebbe vedersi Kean.

Mi aspetto che Dybala faccia una partita bella come ha fatto negli ultimi periodi, è sempre andato vicino al gol. Kean? Potrebbe giocare dall'inizio, come lui anche Spinazzola. Cancelo torna in Supercoppa. Tra i pali gioca Szczensy in proiezione della partita di mercoledì poi se tutto va bene toccherà sempre a Perin. Per Pjanic ho ancora qualche dubbio mentre Bonucci ci sarà.

Il caso Mayorga e l'accusa di stupro a Cristiano Ronaldo. Inevitabili le domande alla luce delle ultime notizie, con la richiesta del DNA di CR7 da parte degli inquirenti. Allegri non fa commenti.

E' una vicenda privata. Io parlo solo di calcio, rispondo di come ho visto Ronaldo. Lo vedo molto sereno e tranquillo, mi baso su quello.

Dai cori razzisti alle polemiche sulla finale di Supercoppa a Jeddah. Il tecnico della Juventus non si sottrae e commenta con la solita schiettezza i temi che hanno alimentato il dibattito in queste settimane.

I cori razzisti negli stadi? Sono state dette molte cose per riempirsi la bocca. Ci sono strumenti per beccare chi è colpevole: se non sbaglio chi ha tirato la banana a Sterling, non entra più negli stadi. Il problema è che in Italia nessuno vuole prendere queste decisioni. Quanto alla Supercoppa, è stato fatto un contratto dalla Lega, noi dobbiamo giocare. Oltretutto c'è stato un piccolo passo per l'accesso delle donne allo stadio, è un piccolo passo ma in avanti. Ci sono poi altri accordi tra Italia e Arabia Saudita. Ci dicono di andare a giocare e noi lo facciamo.

Ultima riflessione dedicata al mercato. Le voci su Isco e sulla probabile cessione di Paulo Dybala non scalfiscono Allegri che sceglie un argomento molto semplice per sgombrare il campo da qualsiasi illazione.

Ho già cinque centrocampisti, son talmente bravi che non ho bisogno di nessuno. Le partite del campionato inglese le guardo, come quelle tedesche, spagnole… Stiamo bene così ora.

Bologna-Juventus, probabili formazioni e dove vederla in tv

Bologna-Juventus è la terza gara degli ottavi di Coppa Italia in calendario nella giornata di sabato. Si gioca alle 20.45 e verrà trasmessa in diretta tv (e in streaming su Rai Play) alle ore 20.45. Quanto alle scelte di formazione, detta della indisponibilità di Mandzukic toccherà a Ronaldo guidare il tridente completato con ogni probabilità da Bernardeschi e Douglas Costa.

  • Bologna (3-5-2): Skorupski; De Maio, Danilo, Helandre; Dijks, Pulgar, Poli, Soriano, Mattiello; Sansone, Palacio. All.: F.Inzaghi.
  • Juventus (4-3-3): Szczensy; De Sciglio, Rugani, Bonucci, Spinazzola; Khedira, Pjanic, Matuidi; Bernardeschi, Cristiano Ronaldo, Douglas Costa.