Nella prossima stagione Ivan Perisic indosserà la maglia del Bayern Monaco col rischio d'incrociare l'Inter in Champions addirittura dalla fase a gironi. L'esterno d'attacco croato s'è trasferito in Germania [per lui si tratta di un ritorno dopo aver giocato già con Borussia Dortmund e Wolfsburg] con la formula del prestito oneroso [5 milioni] con diritto di riscatto fissato a 20. L'annuncio ufficiale c'è state nei giorni scorsi, per il debutto invece dovrà attendere ancora un po': non potrà scendere in campo venerdì sera contro l'Hertha Berlino – nella prima giornata del campionato tedesco – ma non sarà per scelta tecnica e nemmeno per infortunio. Perisic sta benissimo il problema è che deve scontare una squalifica, scorie della scorsa stagione.

Diffidato e ammonito con l'Empoli, salta il debutto in Bundesliga

Nell'ultima partita del campionato di Serie A contro l'Empoli – allora c'era Luciano Spalletti in panchina e la vittoria valse il pass per la Champions – rimediò un'ammonizione in maniera abbastanza ingenua. E, poiché era già diffidato, scattò automatica la sanzione disciplinare: stop di 1 turno e niente match con il club della capitale.

Il regolamento, perché Perisic è squalificato anche in Germania

Perché la squalifica è valida anche in un campionato diverso da quella in cui ha giocato il calciatore? Lo spiega il regolamento che al riguardo viene in soccorso e chiarisce come le squalifiche dei giocatori facciano parte di una normativa internazionale per effetto della quale ‘se hai fatto il cattivo' in un torneo non puoi farla franca tanto facilmente e la punizione subita la porti dietro anche nella nuova esperienza agonistica.

Il precedente di Paul Pogba passato dalla Juve allo United

Quanto accaduto a Ivan Perisic ha un precedente che riguardo un altro ex protagonista del campionato italiano. Si tratta di Paul Pogba che nell'estate del 2016 – dopo aver lasciato la Juventus per vestire la maglia del Manchester United – si vide costretto a saltare la prima giornata di Premier League contro il Southampton. Allora, però, la causa della squalifica non fu un provvedimento subito a margine di una gara di campionato ma di Coppa Italia.