La domanda è: come si fa a essere così stupidi da augurare la morte a due bambini solo perché figli di un calciatore di una squadra avversaria? C'è anche chi lo fa e così capita d'imbattersi nel bestiario delle cose da stadio, quelle peggiori che fanno parte del corredo accessorio di orrore e cattiveria gratuita. Cosa è successo? Protagonista dell'episodio – suo malgrado – è il difensore della Juventus e della Nazionale, Leonardo Bonucci: aveva pubblicato in una delle storie su Instagram una bella immagine che lo vedeva accanto ai suoi piccoli ma quel gesto semplice e genuino è stato rovinato dalle parole lasciate nei commenti da uno pseudo-tifoso che, attraverso un account anonimo, ha insultato in maniera pesante il giocatore e i figli (Matteo e Lorenzo). "Ti devono morire tutti e due, pezzo di m…", ha scritto l'utente provocando la reazione del giocatore.

Troppo grave l'offesa ricevuta e troppo gravi quelle parole per restare in silenzio e fare finta di niente. E no, proprio non si può restare insensibili dinanzi a certe cose… allora Bonucci è intervenuto direttamente pubblicando un messaggio rivolto a quel follower indesiderato.

Forse un giorno vivremo in un mondo migliore, per ora quello da cui spero di tenere lontano i miei figli è questo mondo qui – si legge nel messaggio lasciato da Bonucci -. Quello di questa gente. Quello della violenza fatta di gesti, parole e pensieri. Adesso @the__98page cancellati, cambia account, chiama qualcuno a darti manforte, peccato che nessuno potrà sollevarti dallo schifo di essere che sei.

La foto pubblicata da Leonardo Bonucci, i figlioletti Matteo e Lorenzo nel mirino degli haters
in foto: La foto pubblicata da Leonardo Bonucci, i figlioletti Matteo e Lorenzo nel mirino degli haters

Non è escluso che il difensore della Juventus possa decidere di denunciare la cosa chiedendo alla Polizia Postale di risalire all'autore del messaggio, resta però la domanda alla quale è difficile dare una risposta… possibile che ci siano persone così stupide da abbandonarsi ad atteggiamenti del genere? Per dirla alla Bonucci, prendiamo in prestito la sua esultanza: sciacquati la bocca, chiunque tu sia.