Zingonia non è Madrid, ma i tifosi nerazzurri si sentono al settimo cielo come e quanto quelli merengue. Dopo l'incredibile inizio di campionato dell'Atalanta, si respira un'aria nuova nel centro sportivo della Dea ed erano anni, infatti, che nessuno pronunciava più la parola "Europa". Grazie all'avvento di Gasperini e all'esplosione di alcuni nuovi talenti della "cantera" bergamasca, tifosi e critica sono unanimi nel pronosticare un futuro radioso per la formazione dell'ex tecnico del Genoa. Il merito di questo exploit, è ovviamente da dividere con chi è andato in campo. Gasperini lo sa bene e non si nasconde davanti a possibili imbarazzanti paragoni: "L'esplosione di Gagliardini? Con le dovute proporzioni può diventare un Paul Pogba bianco – ha commentato all'Eco di Bergamo – Ha tutto per diventarlo, dipende solo da lui".

Le parole di Gagliardini.

Oltre a Kessié, Conti, Grassi e Caldara, ecco l'ultimo gioiello forgiato nella scuola calcio nerazzurra: Roberto Gagliardini. Sono bastate poche partite al centrocampista per conquistare tutti, Ventura compreso. Una convocazione che "Gasperson" ha in qualche modo criticato: "Il calcio è drogato se dopo poche partite di Serie A si va già in Nazionale". Il commissario tecnico azzurro, però, sembra avere le idee chiare e il coraggio sufficiente per lanciare i giovani come Gagliardini: linfa vitale della nostra squadra azzurra. "Sono ancora incredulo: l'Atalanta, l'Under 21 ed ora la chiamata nella Nazionale maggiore – ha dichiarato Gagliardini, al sito ufficiale dell'Atalanta – È davvero un sogno che si realizza. Sto vivendo un momento fantastico che spero duri il più a lungo possibile". Nel suo futuro, oltre alla Nazionale, potrebbe esserci anche la chiamata di un grande club italiano. Inter e Juventus sono già pronte a scatenare l'asta per il baby gioiello della Dea.