Milik, Insigne e Callejon i calciatori che teme di più. E quando chiedono a Emery chi tra Arsenal e Napoli ha maggiori possibilità di passare il turno lui – che il trofeo l'ha vinto per 2 volte col Siviglia – replica deciso: "Abbiamo il 50% delle probabilità. In Coppa e in Premier è tutto nelle nostre mani". Come una finale, il doppio confronto tra Gunners e partenopei è il match più interessante dei quarti di finale di Europa League. L'andata si gioca all'Emirates, un autentico bunker per i londinesi: è in casa che danno il meglio segnando più gol, lasciando le briciole agli avversari (solo il Manchester City, tra le formazioni della Premier, è riuscito a vincere lì) e soprattutto subendo poche reti.

I tabloid indicano la strada: chiudere (o ipotecare) la partita tra le mura amiche perché arrivare al San Paolo con il risultato in bilico (o addirittura in svantaggio) può essere molto pericoloso. Le difficoltà incontrate dal Liverpool (sconfitto in trasferta) e dal Psg (che ha rischiato il ko sia a Parigi sia a Napoli), la stima nei confronti di Carlo Ancelotti sono requisiti sufficienti per alzare il coefficiente di difficoltà della doppia sfida.

Sono secondi in classifica dietro la Juve – ha ammesso Emery in conferenza stampa – e contro le big hanno fatto bene. Arrivano dalla Champions, da un gruppo molto difficile con Liverpool e Psg dove hanno dimostrato di essere molto competitivi. Il Napoli è una squadra tatticamente ben organizzata che in Ancelotti uno dei migliori allenatori con grande esperienza internazionale. Giocando in casa sarà importante vincere e più ancora non prendere gol.

Le probabili formazioni di Arsenal-Napoli

Aubameyang in attacco ci sarà: l'ex Borussia Dortmund ha saltato le ultime 2 gare per problemi fisici ma all'Emirates andrà in campo e dividerà l'attacco con Lacazette. "L'anno scorso abbiamo fallito l'obiettivo della finale – ha aggiunto la punta francese, seduta accanto all'allenatore – e quest'anno vogliamo arrivare fino in fondo. Sappiamo che domani sarà importante perché stiamo facendo molto bene in casa". Quanto alle formazioni, sembrano esserci pochi dubbi sia per Emery sia per Ancelotti: nel primo caso il ballottaggio più caldo è Xhaka-Guendouzi; nel secondo invece Insigne potrebbe affiancare Mertens in avanti al posto di Milik o prendere il posto del belga dividendo la prima linea col polacco. Niente da fare per Albiol, Maksimovic agirà affianco a Koulibaly.

  • Arsenal (3-4-1-2): Leno; Mustafi, Koscielny, Monreal; Maitland-Niles, Ramsey, Xhaka, Kolasinac; Ozil; Aubameyang, Lacazette. All.: Emery.
  • Napoli (4-4-2): Meret; Hysaj, Maksimovic, Koulibaly, Mario Rui; Callejon, Allan, Fabian, Zielinski; Mertens, Milik. All.: Ancelotti
  • Arbitro: Undiano Mallenco (Spagna).