Il futuro dell'Inter ha il volto pulito e sorridente di Lautaro Martinez, il ‘Toro' argentino che erediterà il ruolo di Mauro Icardi in nerazzurro. Se per ‘Maurito', infatti sembrano essere giunti i titoli di coda, per Lautaro si è solo all'inizio, un nuovo inizio che incomincerà con l'avvento oramai prossimo di Antonio Conte. Perché se è vero che la società sta lavorando per l'attacco e sta chiudendo con due colossi internazionali come Dzeko e Lukaku è pur vero che Lautaro resta al centro del progetto offensivo.

Una stagione di alti e bassi, di panchine e soddisfazioni in campo, in una gestione di Spalletti che ha convinto solamente a tratti con il tecnico che spesso (troppo) preferito l'unica punta di ruolo alternando i due connazionali che avrebbero potuto affinare l'intesa, anche per il bene di un'Albiceleste che oggi si appresta a giocarsi la prossima Copa America in casa del Brasile, con il ‘Toro' ma senza ‘Maurito'.

In nerazzurro l'orgoglio Champions

Proprio dal ritiro della nazionale argentina, Lautaro ha fatto il punto (intervistato da TyC Sports) sul suo cammino in Serie A con i colori nerazzurri. Una storia che è in fase di crescita e che presenta i giusti presupposti per durare a lungo e dare ulteriori soddisfazioni a tutti. 

Abbiamo chiuso raggiungendo la Champions che era l’obiettivo che volevamo. È stato difficile ma ce l’abbiamo fatta. Fino all’ultima giornata abbiamo avuto opportunità ed è stato un risultato positivo, un po’ strano raggiungerlo così, adesso ci impegniamo e vediamo ciò che accade

Il ‘caso' Icardi

Inter e Argentina. Il presente e il futuro di Lautaro che in Nazionale non ha ritrovato il suo compagno di club, Mauro Icardi ‘vittima' delle incomprensioni con il club che ne hanno condizionato in peggio le prestazioni e non gli hanno permesso di mostrarsi in forma ottimale per una convocazione estiva. Una ‘bocciatura' che ha aperto il fianco a nuove critiche e a un futuro incerto tra la Nazionale e l'attaccante.

Icardi? Non è stato semplice, non è stato positivo per i compagni, per il club e la squadra. Si è risolto tutto, sono molto contento che sia tornato con noi, è molto importante per la squadra e in ogni partita in cui è stato presente si è visto. Ora bisogna guardare avanti, devo allenarmi perché ho un grande obiettivo che è la Coppa America

L'occasione Copa America

Una Copa America cui l'Argentina tiene particolarmente perché è un appuntamento che manca da troppo tempo. Guidata dall'immancabile Messi la Seleçiòn ha fame di rivincite e con lei anche Lautaro che sa di avere un'occasione unica per l'affermazione a livello internazionale.

Dobbiamo cercare di dare il massimo affinché l’Argentina vada il più avanti possibile. Da domani ci metteremo al lavoro. Io devo allenarmi al massimo poi deciderà il tecnico. Dal punto di vista fisico mi sento bene.