L'ultima cocente delusione è arrivata nella recente semifinale di Copa America: persa contro i rivali di sempre brasiliani. Per l'Argentina la vittoria è diventato un tabù che al momento nessuno è riuscito ad esorcizzare, nemmeno la classe del suo giocatore più importante: Leo Messi. A parlare del capitano della nazionale Albiceleste e della sua importanza all'interno del gruppo è stato Angel Di Maria, che in un'intervista concessa a ESPN ha rivelato un particolare aneddoto.

"Dopo Brasile-Argentina di Copa America, Leo Messi ha parlato al gruppo e tutti hanno pianto – ha spiegato Di Maria – Ha detto alcune belle parole quando siamo stati eliminati dal Brasile. Era orgoglioso della squadra che avevamo costruito. Una volta finito, tutti hanno pianto perché ha toccato il cuore di tutti, specialmente quello dei più giovani".

Il caso Icardi

"Ha detto che tutti abbiamo remato nella stessa direzione sin dal primo giorno – ha aggiunto il compagno di Nazionale della ‘Pulce' – Era molto felice dell'impegno profuso per questa maglia e che se eravamo lì era perché lo meritavamo. Ci sono state molte critiche sul fatto che non ha cantato l'inno, che non ha parlato: ma in questa Copa America era diverso e lo ha dimostrato. Mi ha reso felice vederlo parlare a noi compagni, è importante che Leo sia così. Questo Messi mi piace".

Il Fideo ha poi smentito il presunto problema dei calciatori argentini del PSG nei confronti di Mauro Icardi: "Le voci sul possibile conflitto? È sempre la stessa cosa, ormai ci siamo abituati. Dire che è una bugia aumenterebbe soltanto le indiscrezioni. Icardi sa, meglio di chiunque altro, che ho fatto tutto il possibile per farlo adattare al meglio. Non so da dove venga questa notizia di una mia guerra a Maurito. Mi fa un po' ridere e allo stesso tempo mi ferisce perché non corrisponde alla verità".