Il gioco latita, ma i risultati sono finalmente confortanti. La Juventus di Massimiliano Allegri, grazie all’1-0 rifilato ad un tutt’altro che competitivo Milan, ha centrato la terza vittoria consecutiva. Un tris che ha riportato entusiasmo e morale nel gruppo bianconero dopo l’altalena deludente di inizio stagione, quando i tanti scivoloni hanno permesso alle prime della classe di prendere il largo. Il distacco dalla capolista Inter ora è di 9 punti, ma il calendario futuro, con gli scontri diretti da disputare allo Stadium tengono vivo l’ottimismo in un ambiente che fino a poche settimane era letteralmente depresso.

Se il tecnico nell’immediato post di Juve-Milan aveva dimostrato tutta la sua concentrazione sulla rimonta dichiarando: “A 6 punti dal primo posto? (quello momentaneo occupato da Inter e Roma, ndr). Avremmo dovuto occupare il primato, o essere nei primi tre. Ora abbiamo una partita fondamentale in Champions”, nel consueto Tweet di inizio settimana ha riservato anche complimenti ai suoi giocatori: “Non siamo ancora dove dovremmo stare ma ci stiamo avvicinando! Partita complicata,i ragazzi sono stati bravi a vincerla. Ora testa a mercoledì”. 

Tegola infortuni per la Juve

Già, testa a mercoledì quando allo Stadium arriverà quel Manchester City che all’andata fu battuto all’Etihad con una vera e propria impresa. Una vittoria permetterebbe ai bianconeri di conquistare l’accesso matematico agli ottavi e anche il primato nel girone magari. Un risultato che garantirebbe consapevolezza nei propri mezzi, e la possibilità di concentrarsi sul campionato nell’immediato. A rovinare per la marcia di avvicinamento alla sfida, c’è il dato inerente agli infortuni, saliti a quota 25, con 19 di natura muscolare. Le brutte notizie arrivano dai calciatori usciti malconci da Juve-Milan. Evra uscito per una distorsione alla caviglia sinistra sarà monitorato nei prossimi giorni, così come Hernanes. Il brasiliano alle prese con un problema all’adduttore salterà comunque il match per squalifica. Non dovrebbero recuperare Khedira e Caceres: per il primo sovraccarico in corrispondenza della cicatrice della vecchia lesione, mentre il secondo è ancora ai box per i fastidi alla coscia destra. Senza dimenticare poi i lungodegenti Asamoah e Pereyra, e Padoin che però non rientra nella lista Uefa.

Le scelte di Allegri per Juve-City

Prende corpo dunque l’ipotesi di un 4-3-3, con il ritorno da titolare di Bonucci in coppia con Chiellini al centro della difesa, e Lichtsteiner ed Alex Sandro sulle corsie. In mediana confermato il trio Sturaro, Marchisio e Pogba, con in avanti il tridente atipico Cuadrado, Dybala e Morata. Lo spagnolo però sarà in ballottaggio fino all’ultimo con Mandzukic che potrebbe garantire più esperienza.