Dettagli. Così stati definiti alcuni aspetti contrattuali sui quali è finita in secca la trattativa tra l'Inter e il Manchester United per il prestito di Alexis Sanchez. Un'operazione che ha subito una brusca frenata rispetto alle voci dell'arrivo imminente a Milano dell'attaccante cileno. El Niño Maravilla non ci ha pensato due volte quando ha saputo della possibilità di tornare in Serie A e farlo indossano la maglia di una squadra ambiziosa come quella nerazzurra: a Old Trafford non si sente abbastanza apprezzato e lo stesso manager dei Red Devils lo ha di fatto scalato nelle retrovie, complice la volontà della società di metterlo sul mercato.

La questione ingaggio, il nodo è la percentuale di compartecipazione

Qual è l'ostacolo maggiore? Lo stipendio percepito da 12 milioni di euro netti a stagione (i 15 iniziali sono stati ridotti per la mancata qualificazione in Champions) e più ancora la percentuale da corrispondere che andrebbe in carico all'Inter: 3 milioni di euro, è questa la cifra che verrebbe versata a fronte dei 9 che toccherebbero ancora agli inglesi. Ed è su questo ‘particolare' che l'operazione s'è arrestata: la compartecipazione all'ingaggio è materia che da Manchester vorrebbero rivedere, riequilibrare fino a ipotizzare una sorta di ‘cinquanta e cinquanta' (metà e metà) che è fuori dai parametri prefissati dal club italiano disposto ad alzare l'asticella al massimo fino a 4/5 milioni ma non a spingersi oltre per questioni di equilibri interni e di bilancio. Altro ‘particolare' da tenere in considerazione: al netto delle competenze finora rispettate, lo United dovrebbe versare al calciatore ancora 10 milioni di euro (bonus esclusi) portando di fatto la quota al 50%/60 dell'ingaggio attuale.

A che punto è la trattativa tra l'Inter e il Manchester United

La trattativa è saltata? No. Sanchez può ancora arrivare all'Inter? Sì ma i tempi sono più lunghi del previsto. "Vedremo cosa succederà da qui alla chiusura del mercato – ha ammesso il tecnico, Solskjaer, durante la conferenza stampa di presentazione del match col Crystal Palace -. La società è in contatto con alcuni club". Ovvero, l'Inter che attraverso la mediazione dell'agente, Fernando Felicevich, spera di sbrogliare quanto prima la matassa. Quanto alla formula, invece, c'è intesa massima: prestito oneroso di circa 3 milioni di euro con diritto di riscatto fissato a circa 17 milioni. Ma se non si supera lo scoglio della compartecipazione sull'ingaggio Sanchez può solo continuare ad assistere dalla tribuna alle partite dell'Inter.