Torna Zidane e il Real torna a vincere al Bernabeu. Con il Celta protagonista è stato Isco, tenuto a lungo fuori da Solari e oggi di nuovo titolare e goleador. Bale ha raddoppiato e ha blindato il risultato. I blancos non hanno brillato ma hanno fatto una buona impressione, anche se non sono parsi la squadra solida di un tempo. La qualificazione in Champions è blindata, il secondo posto è ancora raggiungibile, ma soprattuto in questa parte finale del campionato Zizou cercherà di capire chi confermare.

La formazione del primo Real di Zidane

Con Zidane tornano titolari i suoi pretoriani: Isco, Marelo e Keylor Navas, gli infortunati sono tanti, ma le sette sono chiare: fuori Courtois e Reguilon. In campo il Real gioca con un 4-4-2 iper offensivo con Bale e Asensio ai lati di Modric e Kroos, davanti Isco e Benzema.

Isco e Bale, Celta ko

Il Madrid ha fatto la partita, ha calciato molto in porta e ha lasciato pochissimo al Celta. I gol sono arrivati nel secondo tempo. Asensio semina avversari, poi trova Benzema che regala un assist invitante a Isco che non può sbagliare. Dopo il gol l’attaccante spagnolo lascia il campo, con Ceballos torna il 4-3-3. Al 77’ il 2-0, Marcelo, uno dei migliori in campo, mette in mezzo, Bale con un bel destro raddoppia, 2-0.

Le proteste del Bernabeu, contestazione a Florentino Perez

A livello ambientale non è stato semplice giocare per i ‘blancos’. Perché la tifoseria ha fischiato spesso Bale, ma soprattuto sono comparsi un paio di striscioni contro il presidentissimo Florentino Perez: “Florentino colpevole’ e ‘Florentino vattene’, mentre più di qualcuno ha intonato il coro ‘Florentino dimision’. Una contestazione senz’altro eccessiva. Perché se è vero che quest’anno il Real non vincerà né la Liga, né Champions né Coppa di Spagna è anche vero che nelle tre stagioni precedenti ha conquistato tre Champions di fila.