No. Wanda non ci sta. Adesso, la moglie e procuratrice di Mauro Icardi, alza la voce anche via social e cambia registro rispetto alle dirette televisive. In trasmissione, nel salotto Mediaset di Tiki Taka, la signora Icardi aveva dichiarato di abbassare i toni, non commentare "per non creare ulteriore polemica" e con gli occhi lucidi aveva ricevuto anche la ‘carezza' nerazzurra di Beppe Marotta.

Però, la signora Icardi non ci sta a passare per la ‘cattiva' di turno. E così nel giorno del compleanno di suo marito, in pieno pomeriggio ha deciso di sbottare – ancora una volta – contro i giornalisti, in principal modo contro La Gazzetta dello Sport, testata con cui pare abbia evidentemente un conto da risolvere.

Vergognoso!!!! La Gazzetta è partner dell’Inter. Continuare a dire queste cazzate è ancora più pericoloso. La verità è sempre e solo una.!!

Wanda Nara non ha concesso alcun giro di parole, quando qualche giorno prima – sempre via social – si era divertita a essere sibillina con i giornalisti della ‘rosea' più amata dagli sportivi per aver sbagliato il giorno della messa in onda di ‘Tiki Taka'. Ma adesso, di fronte a ciò che evidentemente è considerata una falsità, anzi una vera e propria "cazzata", la signora Icardi non ha taciuto e ha dato in pasto ai suoi follower il titolo della Gazzetta sul marito.

"Caso Icardi, Wanda insiste: senza fascia non gioca più" è il titolo online del primo giornale sportivo italiano. Un lancio che ha fatto subito il giro del web e non solo, tra addetti ai lavori, tifosi e semplici curiosi. Dunque è Icardi che non vuole fare un passo indietro, anzi è la moglie che lo obbliga. Una interpretazione davanti alla quale Wanda Nara non ha saputo tacere. Segno che il clima è sempre rovente, le 26 candeline sulla torta non hanno distratto la moglie dal suo ruolo di procuratrice attenta a ciò che si dice attorno al suo (marito) assistito.

L'ennesimo capitolo di una vicenda che sta prendendo contorni grotteschi e forse anche pericolosi. Un sasso ha colpito l'auto con a bordo i figli. I tifosi hanno fischiato e rilasciato un comunicato. Gli insulti sui social sono all'ordine del giorno. Ci mancava adesso il confronto diretto con parte della stampa. Bisognerà avere pazienza, adesso, da parte di tutti i protagonisti del ‘caso': la verità, come sempre, avrà l'ultima parola sulla questione.