Cinque squadre in tre punti. Dall'Atalanta quarta (62 punti) alla Lazio ottava (55 punti), mai come quest'anno c'è tanto affollamento per la lotta Champions. Nel mezzo Roma, Torino e Milan. Con Juve, Napoli e Inter ormai certe di un posto il prossimo anno nell'Europa che conta, soltanto una di queste 5 si unirà alle prime tre classificate. Altre tre si qualificheranno per l'Europa League, mentre una resterà fuori e nella prossima stagione non volerà oltralpe.

Roma, calendario e scontri diretti: la Juve è l'ultimo ostacolo

Ultimi quattro turni sulla carta agevoli per la Roma di Claudio Ranieri, che affronterà soltanto squadre che non hanno più nulla da chiedere al campionato. Resta però lo scoglio Juventus alla 36esima giornata: seppur priva di motivazioni, per i bianconeri quella di Roma non è mai una partita banale.

  • Calendario – Juventus, SASSUOLO, Parma. [*In MAIUSCOLO le partite fuori casa]
  • Scontri diretti – Favorevoli con Torino. Sfavorevoli con Lazio e Milan. Con l'Atalanta conta la differenza reti generale: al momento Rom +15 Ata +24

Milan, calendario e scontri diretti: bene con tutte tranne che col Toro

I rossoneri sono la squadra nelle condizioni migliori tra quelle in volata. Il calendario non presenta ostacoli degni di nota, e gli scontri diretti (tranne uno) sorridono agli uomini di Gattuso.

  • Calendario – FIORENTINA, Frosinone, SPAL
  • Scontri diretti – Favorevoli con Roma, Atalanta, Lazio. Sfavorevoli con Torino

Atalanta, calendario e scontri diretti: lo snodo con la Lazio

Dopo aver battuto la Lazio, i bergamaschi sono attesi dalla sfida col Genoa. Quarti in classifica, devono concentrarsi su un calendario complicato che prevede una trasferta insidiosa: quella di Torino contro la Juventus, nel giorno della festa Scudetto dei bianconeri.

  • Calendario – Genoa, JUVENTUS, Sassuolo
  • Scontri Diretti – Favorevoli con Milan. Sfavorevoli con Torino. Con la Roma conta la differenza reti generale: al momento Rom +14 Ata +24. Con la Lazio c'è ancora il ritorno da disputare, all'andata finì 1-0 per i bergamaschi.

Torino, calendario e scontri diretti: sulla strada derby, Lazio e lotta salvezza

Sulle ali dell'entusiasmo dopo il successo nello scontro diretto contro il Milan, il Toro ha sfiorato la vittoria nel derby. Alla penultima giornata dovrà vedersela con un Empoli in piena lotta salvezza, mentre nella giornata conclusiva ospiteranno la Lazio.

  • Calendario – Sassuolo, EMPOLI, Lazio
  • Scontri diretti – Favorevoli con Milan e Atalanta. Sfavorevoli con Roma. Con la Lazio c'è ancora il ritorno da disputare, all'andata finì 1-1.

Lazio, calendario e scontri diretti: tutto ancora in bilico, aspettando Atalanta e Torino

I biancocelesti hanno numerosi rimpianti in questa volata Champions, tra cui il recente suicidio casalingo contro un Chievo già retrocesso. Il calendario riservava alla Lazio due sfide contro due pretendenti alla Champions, rendendo gli uomini di Inzaghi artefici del proprio destino europeo: la sconfitta con l'Atalanta ha chiuso di fatto i conti.

  • Calendario – CAGLIARI, Bologna, TORINO
  • Scontri diretti – Favorevoli con Roma. Sfavorevoli con Milan. Con l'Atalanta c'è ancora il ritorno da disputare, all'andata finì 1-0 per i bergamaschi. Con il Torino c'è ancora il ritorno da disputare, all'andata finì 1-1.

Cosa succede se 3 (o più) squadre arrivano a pari punti

Nel caso in cui ad arrivare a pari punti siano 3 o più squadre, il regolamento prevede che si generi una classifica avulsa che coinvolga soltanto le squadre con lo stesso punteggio. Questa classifica tiene conto soltanto dei punti ottenuti negli scontri diretti. Per determinare la squadra meglio piazzata valgono i seguenti criteri: 1) punti negli scontri diretti; 2) differenza reti negli scontri diretti (i goal in trasferta non valgono doppio in caso di ulteriore parità); 3) differenza reti generale; 4) maggior numero di reti segnate in generale; 5) sorteggio.

Coppa Italia e settimo posto: chi va in Europa League e cosa dice il regolamento

Le squadre italiane in Europa League il prossimo anno saranno tre. Sicure di qualificarsi per la competizione sono la quinta e la sesta classificata in Serie A (al momento, Milan e Atalanta, con i bergamaschi che hanno una partita in meno). Per quanto riguarda la settima, si qualifica soltanto se la vincitrice della Tim Cup occupa già una posizione in classifica che la qualifichi per una competizione europea, Champions o Europa League che sia. Nel caso in cui la vincitrice della finale Lazio-Atalanta arrivi ottava, andrebbe in Europa League a scapito della settima classificata, al momento il Torino.