Giampiero Ventura dopo undici mesi è tornato ad allenare, voleva voltare pagina e cancellare, nel limite del possibile la delusione per la mancata qualificazione al Mondiale di Russia, ma l’esordio con il Chievo è stato davvero da dimenticare. Perché i veronesi in casa sono stati sconfitti per 5-1 dall’Atalanta, che non vinceva in Serie A esattamente da due mesi. E il trend per Ventura continua a essere estremamente negativo. La Lazio vince a Parma e si porta al terzo posto in classifica.

Poker dell’Atalanta, il Chievo di Ventura ko

L’ex c.t. dell’Italia sapeva che sarebbe stata dura. Il Chievo ha ottenuto solo due pareggi, e ha avuto una penalizzazione di tre punti. Ma certamente non pensava di iniziare con una sconfitta interna per 5-1. I nerazzurri sono carichi a pallettoni e già nei primi dieci minuti ha tre palle gol, il match si sblocca al 25’ con De Roon, l’olandese con un bel rasoterra fredda Sorrentino. Poco dopo segna Ilicic, fantastico il suo tiro a giro. L’uno-due è un pesante cazzotto al mento.

Barba viene espulso al 40’, la montagna da scalare diventa altissima. Nella ripresa subito arrivano altri due gol dell’Atalanta, li realizza entrambi Ilicic, che dopo la tripletta lascia il posto a Pasalic. Gosens firma il 5-0. Birsa segna il gol della bandiera su rigore, finisce 5-1. Esordio davvero disastroso per Ventura.

2-0 della Lazio al Parma

Successo pesantissimo della Lazio che ottiene il sesto successo in campionato e si porta al terzo posto in classifica. Il primo tempo è combattuto e molto equilibrato, nella ripresa c’è solo una squadra che cerca il gol: la Lazio che ci prova con forza e trova il gol del vantaggio solo all’81’. Gagliolo stende Berisha, rigore netto. Immobile calcia in modo potente e preciso e batte Sepe, 1-0. Nel finale il Parma si sbilancia, la Lazio ha tante chance per raddoppiare. Immobile non concretizza, Correa sì, finisce 2-0.

Tanti gol in Bologna-Torino

Un pareggio beffardo per il Torino, un punto d’oro per il Bologna che rimonta due gol alla squadra di Mazzarri che è stata per larga parte dell’incontro padrona del campo. Iago Falque con una prodezza firma l’1-0, Baselli raddoppia a inizio ripresa, la partita sembra quasi finita. Il Bologna che non si era mai reso pericoloso riesce a riaprirla con Santander lesto a ribattere in rete un pallone vagante. Poi arriva il 2-2 di Arturo Calabresi che con un’azione pericolosa trova il primo gol in Serie A e regala un punto al Bologna.