Amare Universiadi a Salerno per gli Azzurri: l’Italia del calcio si è dovuta arrendere sul più bello. La Nazionale maschile ha perso infatti contro il Giappone per 8-7 dopo i calci di rigore (3-3 i tempi regolamentari) dicendo addio al sogno di qualificarsi alla finale per il titolo. I ragazzi di Arrigoni si dovranno accontentare di affrontare la Russia per conquistare la medaglia di bronzo nella finalina di consolazione.

La partita: Italia bene all'inizio e al 90′

L’Italia passa in vantaggio al 24′: calcio d’angolo di Ungaro e Yamahara firma un’autorete. Cinque minuti dopo, però, il Giappone firma il pareggio con Kodama. Ogashiwa sigla il 2-1 al 58′ con un bel destro e al 63′ Kaneko trova il 3-1. Al 79′ Vitturini segna di testa su cross di Zonta e al 95′ lo stesso Zonta trasforma il calcio di rigore.

Italia protagonista fino in semifinale

Entrambe le formazioni si erano fin qui comportate egregiamente: la squadra di coach Daniele Arrigoni aveva concluso il gruppo B in prima posizione, superando il Messico (2-0) e l’Ucraina (2-0). I giapponesi, invece, avevano dominato il Gruppo D grazie alle vittorie contro la Russia (4-1) e l’Argentina (3-0). Ai quarti di finale, la rete al 93′ di Filippo Strada aveva poi permesso agli azzurri di avere la meglio sui francesi, mentre gli atleti del Sol Levante avevano superato, in un derby tutto asiatico, la Corea del Sud (2-0).

Tre gol fatali, poi gli errori dal dischetto

L’Italia non aveva ancora subito reti nel corso del torneo ma alla fine ne ha subiti 3 dai giapponesi,ma grazie al forcing finale azzurro il pareggio è arrivato a fine partita, su calcio di rigore. Come previsto in caso di parità si è poi andati ai rigori dove l'Italia ha capitolato in semifinale. Akimoto e Grieco sbagliano il secondo penalty, si procede a oltranza e Vitturini sbaglia consegnando la vittoria agli avversari.