Le immagini fanno accapponare la pelle. Arrivano dal campionato indonesiano, dall'altra parte del mondo, ma quanto accaduto non può lasciare insensibili chi ama lo sport e in calcio in particolare. Il portiere del Persela, Choirul Huda, è morto dopo un impatto violento con il compagno di squadra Ramon Rodrigues durante la gara contro il Semen Padang, gara in calendario per la Serie A indonesiana (la Super League). "E’ deceduto per la forte collisione alla testa e dietro il collo", hanno raccontato i medici.

La dinamica dell'azione è da brivido. Succede tutto verso la fine del primo tempo: il portiere esce dai pali per anticipare l'avversario affiancato da un difensore, nessuno riesce a fermare la propria corsa o a evitare il colpo. Nessuno avrebbe immaginato che di lì a poco quel match avrebbe avuto un epilogo drammatico. Anzi, ad avere la peggio sembrava essere stato il difensore, colpito a un fianco. Huda sembrava cosciente, ma la situazione è peggiorata con il passare dei minuti: "Era ancora sveglio e si lamentava perché avvertiva un dolore al petto – ha spiegato in seguito un membro dello staff medico del Persela -. Poi ha perso i sensi".

Le immagini mostrate dalla tv. L’estremo difensore resta stordito, piegato sulle ginocchia, porta la mano davanti alla bocca, ha difficoltà a respirare: immediatamente soccorso, le sue condizioni sono apparse subito molto gravi ed è stato caricato in barella. Trasportato in ospedale, era ancora vivo quando i medici lo hanno visitato ma è morto nel pomeriggio intorno alle 17 come spiegato da Zaki Mubarok, un dottore dell’ospedale. Huda, classe '79, aveva 38 anni e in carriera aveva vestito solamente la maglia del Persela, confermandosi una bandiera del club oltre che uno dei giocatori più rappresentativi del Paese.