Dopo le recenti dichiarazioni nelle quali aveva rivelato una certa nostalgia ("Me la passavo meglio in Italia"), Lucas Torreira è tornato a parlare del suo possibile ritorno nel nostro campionato. Accostato al Milan da diverse settimane, il 23enne centrocampista uruguaiano ha questa volta allontanato l'ipotesi di un passaggio ai rossoneri nel corso di questa finestra estiva di calciomercato. Il tutto nonostante le ultime notizie parlino di una trattativa già avviata con il club milanese.

"Nessuno del Milan mi ha contattato – ha dichiarato l'ex giocatore della Sampdoria, dal ritiro della sua nazionale – Oggi sono in Premier League e sono felice di essere un calciatore dell'Arsenal. Non è stato facile l'ambientamento, ma ora penso solo alla squadra londinese". Parole gelide, che secondo alcuni potrebbero però rivelarsi solo un tentativo per evitare di alimentare troppe voci sulla presunta trattativa in corso.

La strategia del Milan

Complice la presenza di Marco Giampaolo, che ha già avuto alle sue dipendenze Torreira, e forte anche della volontà della compagna Vittoria che starebbe spingendo per il ritorno nel nostro paese, il Milan non pare più di tanto preoccupato e aspetta la risposta più che altro dell'Arsenal: al quale sarebbe stata fatta la proposta di un prestito biennale da 5 milioni di euro con obbligo di riscatto a circa 30 milioni. Un'offerta che non avrebbe scaldato i Gunners, e che il Milan avrebbe riformulato con l'inserimento di una possibile contropartita tecnica.

I giocatori che potrebbero rientrare nell'operazione di mercato con l'Arsenal sono Franck Kessie e Ricardo Rodriguez. Sia il centrocampista ivoriano che il terzino svizzero sono due profili che piacciono a Unai Emery, ed entrambi permetterebbero al Diavolo di ammortizzare la spesa. Per liberare Torreira, sarà comunque fondamentale anche il destino di Dani Ceballos: anche lui cercato dal Milan. Se lo spagnolo finirà a Londra, per l'uruguaiano potrebbero infatti aprirsi le porte per una sua cessione alla società milanese.