Solitamente sono i tifosi a saltare la scuola o a non andare a lavoro per assistere ad un partita. In questo caso, però, è stato proprio un calciatore a rendersi indisponibile con una scusa per non mancare al big match tra Juventus ed Inter dello scorso 9 dicembre. E non un calciatore qualsiasi, ma bensì Pavel Pogrebnjak: un giocatore esperto e conosciuto anche per essere stato nel giro della nazionale ai tempi del commissario tecnico Fabio Capello.

Il 34enne nato a Mosca, non aveva però fatto i conti con la potenza della rete e dei social. Dopo aver marcato visita ed essere volato a Torino per prendere posto sulle tribune dell'Allianz Stadium, l'attaccante della Dinamo Mosca è stato infatti immortalato in una fotografia con tanto di cappello e sciarpa bianconera: uno scatto che è stato poi postato e diffuso su Twitter dal fratello Kiril.

L'ira della Dinamo.

Come ha riportato l’agenzia "TASS", la Dinamo Mosca ha scoperto l'inganno in poco tempo. La reazione della dirigenza non si è fatta attendere ed è stata particolarmente dura, di fronte alla scusa inventata dal giocatore per saltare la delicata sfida di campionato con l’Anzhi. Secondo i media russi, il club moscovita avrebbe avviato un'indagine interna che dovrebbe portare ad una forte multa per Pogrebnjak o addirittura, in caso di decisione estrema, portare anche al licenziamento immediato dell'attaccante.

La fuga verso Torino per assistere alla gara di Serie A, è figlio di un rapporto tra Pogrebnyak e il club che si è guastato da tempo. Il giocatore ex Stoccarda e Fulham vede infatti poco il campo ed è in conflitto con il tecnico Chochlov, che più volte lo ha relegato ai margini della squadra.