Nelle partite delle 15 dell'11° turno di campionato fari puntati sul big match di Marassi dove si affrontavano Sampdoria e Torino. I granata hanno avuto la meglio grazie al ritorno al gol di Belotti, autore di una doppietta nel primo tempo che ha indirizzato la partita sui binari granata conclusasi 4-1 a Marassi. Successo esterno del Sassuolo a Verona, contro il Chievo di Ventura già ritornato nella bufera per l'ennesima sconfitta. Pareggio senza gol tra Parma e Frosinone.

Torino, poker alla Sampdoria

Belotti ha rialzato la cresta contro la Sampdoria, in trasferta, segnando una doppietta che ha aperto la strada al Torino per il successo sulla Sampdoria. Un primo tempo del ‘Gallo' come non si vedeva da tempo, confortante sia nelle realizzazioni (il secondo su rigore) sia in una prestazione in cui l'attaccante granata ha creato spazi e mostrato di star tornando ai suoi livelli.

Ne ha approfittato il Torino che così ha conquistato tre punti pesanti su un terreno difficile. Per la Sampdoria, una prima frazione da dimenticare, con Giampaolo che ha schierato in avanti la coppia Caprari-Quagliarella supportata da Saponara con scarsissimi risultati. Tanto che a inizio ripresa ancora il Torino è andato a segno con Iago Falque prima del gol della bandiera di Quagliarella e del poker finale di Izzo.

Sassuolo corsaro, Chievo ancora ko

Successo esterno di misura ma importantissimo da parte del Sassuolo che capitalizza al massimo una rete siglata nel primo tempo da parte di Di Francesco. Nella ripresa, nessuna reazione da parte dei padroni di casa con il Sassuolo che nel finale raddoppia per una autorete di Giaccherini. Profondo rosso per il Chievo di Ventura che da quando ha cambiato allenatore non è riuscito ancora a rialzare la testa e a fare punti. Per l'ex ct c'è già aria pesante e di contestazione per il fanalino di coda che resta inchiodato all'ultimo posto a -1 in classifica.

Parma in 10 il Frosinone non sfonda

Piccolo passo avanti ma un accenno di continuità da parte del Frosinone che a Parma esce indenne e con un punto importante per smuovere la classifica. I ciociari hanno avuto anche occasioni importanti per portarsi in vantaggio con Andrea Beghetto il più pericoloso dei suoi. Ma i ciociari non sono riusciti a sfruttare il vantaggio dell'uomo in più per l'espulsione al 61′ di Leo Stulac, impattando solamente a reti inviolate.

Atalanta corsara a Bologna

Spazio alle emozioni del Dall'Allara dove il Bologna di Filippo Inzaghi proverà a fermare la rinata Atalanta di Gasperini. Gli orobici si sono ripresi da un avvio disastroso, ritrovando gioco e motivazioni attraverso la continuità dettata dal tecnico. Due successi consecutivi e la voglia di fare bene anche a Bologna. I felsinei non vincono da quattro partite, l'ultimo successo è stato sull'Udinese, in casa 2-1.

Eppure il primo tempo sorride ai padroni di casa bravissimi a gestire il match e ad anestetizzarlo nel momento in cui si ritrovano in vantaggio. Merito di Mbaye che al 3′ minuto si inventa un tiro imparabile per Berisha che gela l'Atalanta, incapace di reagire. Nella ripresa però, gli ospiti ribaltano il match: pari di Mancini e 2-1 di Zapata che rilancia le ambizioni dell'Atalanta.