La Serie A TIM raggiunge e supera i tre milioni di fan su Facebook: un risultato impressionante e che sembra destinato ad aumentare sempre più. E per l'occasione, c'è un particolare modo di festeggiare rivolto a tutti gli utenti e appassionati: è possibile infatti inviare un selfie con un'esultanza speciale, del tutto personale, che verrà pubblicata sulla pagina di Serie A TIM, sia su Facebook che su Twitter ed Instagram.

http://www.facebook.com/media/set/?set=a.878953518843981.1073742970.124858950920112&type=1

Numeri alla mano, in meno di quattro anni la pagina della Serie A TIM è letteralmente decollata. Nata nel 2011, oggi conta, oltre ai tre milioni e rotti di fan su Facebook, altri 410mila followers su Twitter ed oltre 152mila seguaci su Instagram. Numeri vertiginosi, che arrivano proprio a pochi giorni dall'annuncio del rinnovo della partnership tra Lega Serie A e TIM. Come annunciato dalla stessa Lega, per le prossime tre stagioni sarà ancora la compagnia telefonica il title sponsor di tutte le competizioni ufficiali organizzate dalla Lega Serie A: dal massimo campionato alla Coppa Italia, passando per la Supercoppa italiana ed il campionato primavera.

"Celebriamo il prolungamento di questo rapporto di grande valenza per entrambi e nel 2018 sarà raggiunto il traguardo dei vent'anni di collaborazione", ha spiegato il Presidente della Lega Serie A Maurizio Beretta, "l'augurio è quello di poter ancora crescere insieme, guardando ai valori più profondi dello sport e del calcio in particolare". Soddisfazione per l'accordo di sponsorizzazione anche da Marco Patuano, amministratore delegato di Telecom Italia. "Il calcio è una delle grandi passioni degli italiani: tutti discutono di calcio, la sua vera forza è quella di essere motivo di continuo confronto. La mission di TIM è connettere le persone, mettergli a disposizione contenuti, informazioni e farle dialogare", ha aggiunto, "Da anni guardiamo allo sport come ad un importante veicolo di educazione all'uso consapevole della rete per aumentare le possibilità nostre e dei nostri ragazzi di vivere una vita più piena e libera".