Non ci sono state clamorose proteste nelle prime partite dalla 14a di Serie A in attesa del posticipo serale di domenica e del Monday Night. Tanti gli interventi del VAR ma tutti corretti e con le scelte da parte dei direttori di gara che appaiono consone alle situazioni valutate. Anche nel successo dell‘Inter sulla Spal che ha decretato il sorpasso in classifica e nella gara della Lazio di bomber Immobile. Non così nel match della Juventus, dove ci sono stati almeno tre momenti da moviola, tra cui c'è un episodio che ha fatto discutere molto.

Napoli-Bologna: Lozano, è fuorigioco

Var attivo anche al San Paolo ad inizio di partita laddove la moviola ha confermato la scelta corretta dell'arbitro, Pasqua in occasione del gol annullato a Lozano. L'azione si svolge in velocità tutta di prima da sinistra a destra e il velo di Fabian Ruiz potrebbe ingannare direttore e guardalinee ma così non è: Lozano gonfia la rete ma la bandierina si alza. Le immagini dimostrano la posizione di offside, il VAR non interviene dando l'ok alla decisione di annullare il gol.

Rete di Olsen: azione regolare

Anche sull'azione del gol del pareggio del Bologna grazie a Olsen, non ci sono errori da parte degli arbitri. La posizione di Palacio – a centro area – è regolare, non c'è fuorigioco e il consulto tra Var e direttore di gara è veloce e conferma la prima impressione. Rete convalidata giustamente

Llorente segna al 93′ ma non è valido

Ultimo caso di moviola in Napoli-Bologna arriva oltre il 90′. Nell'ultimo assalto alla porta dei rossoblù, Llorente riceve palla in centro area, si libera (forse con un gomito) da Danilo ma controlla il pallone e supera Skorupski con un tiro violento. Tutto inutile: la moviola avvisa della posizione irregolare dello spagnolo: rete annullata correttamente.

Gli altri casi da moviola della giornata

Juve-Sassuolo, forti dubbi sulla mancata concessione del penalty su de Ligt

Var e arbitro impeccabili in occasione del gol annullato a Cristiano Ronaldo (fuorigioco al momento della rete) e per il rigore su Dybala che permetterà alla Juventus di agguantare il pareggio. Dubbi, molti, sul fallo su de Ligt, cinturato in area di rigore: le immagini dicono che il fallo c'è, ma né La Penna né i moviolisti di Juventus-Sassuolo intervengono, sbagliando.

Inter-Spal: Tomovic, non è mano

A San Siro, l'Inter vince e supera la Juventus in classifica mantenendo un cammino a marce forzate che dimostra la quadratura della squadra di Conte. Irrati e la moviola a bordo campo sono impegnati nel primo tempo quando al 36′ devono decidere su un colpo di mano di Tomovic in area. Considerato involontario e che non viene fischiato perché attaccato al corpo senza fare volume. Vane le proteste nerazzurre, ma la scelta appare giusta.

Lazio-Udinese: Di Bello e il Var non sbagliano

All'Olimpico, anche la Lazio vince il proprio match a suon di gol, confermandosi un attacco micidiale che trova in Immobile il suo terminale da record.  In occasione del rigore per la Lazio, il VAR diventa protagonista quando corregge la scelta iniziale di Di Bello. Correa in area bianconera viene toccato da Troos-Ekong e per questo cade: le immagini confermano e l'arbitro corregge la scelta iniziale. Poi, al 45′ altro rigore per la Lazio assegnato direttamente dall'arbitro: ancora Correa viene toccato (da Nuytinck): penalty sacrosanto.