Giornata di gol e di moviola sui campi di Serie A, soprattutto laddove sono scese in campo le formazioni piemontesi: il Torino in casa contro l'Udinese e la Juventus di scena a Sassuolo. Per entrambe sono arrivati due successi importanti, con i granata che hanno fatto un balzo in avanti per la corsa alla zona Europa League e i bianconeri che hanno ripreso slancio sul Napoli rifinito a -11.

Sia al Grande Torino che al Mapei Stadium, VAR protagonista in diversi episodi ma alla fine pochissime polemiche per delle decisioni che, pur prese con svariati minuti di gioco fermo, sembrano aver trovato la scelta regolamentare corretta. I primi interventi, determinanti, della moviola arrivano nel pomeriggio tra Torino e Udinese, in un match che ha visto solamente un gol (di Aina) decisivo per i 3 punti ma con due reti annullate e un rigore sbagliato.

Torino-Udinese, moviola senza errori in tre episodi

Il primo episodio al 26′ quando il difensore granata Djidji commette fallo da rigore su Okaka. L'arbitro Guida non se ne avvede in un primo momento ma viene richiamato all'ordine dal VAR e concede un giusto penalty. Sul dischetto va De Paul che calcia malissimo con Sirigu che si tuffa sulla sinistra e sventa. Poi ecco i due gol annullati: il primo a Lasagna in netta posizione di fuorigioco e il secondo ad Okaka al 44′ quando l'ex doriano calcia da fuori area ma Lasagna si fa trovare sulla traiettoria del pallone. Lunghissimo consulto al Var, poi l'arbitro Guida annulla giustamente.

Sassuolo-Juve: Mazzoleni e il VAR non sbagliano

Al Mapei Stadium, il VAR è subito a lavoro dopo solo 2 minuti quando Djuricic prova a sfruttare una brutta palla persa della difesa della Juventus: l'attaccante neroverde si inserisce in area e va giù sul contatto con Szczesny.

L'arbitro Mazzoleni si fa aiutare dal VAR e non decreta il rigore, con le immagini che mostrano come il portiere polacco sia intervenuto perfettamente sulla palla. Poi, altro episodio al  52′ quando Ronaldo trova il gol del raddoppio, scartando metà difesa, ma il portoghese parte in posizione di offside sul servizio di Bernardeschi.